Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Mosca: Giorgio de Chirico. Apparizioni metafisiche

Data:

27/04/2017


Mosca: Giorgio de Chirico. Apparizioni metafisiche

Si e' inaugurata a Mosca  la mostra 'Giorgio de Chirico. Apparizioni metafisiche', la prima grande mostra in assoluto in Russia del maestro della pittura metafisica. L'evento assume una connotazione storica, se si considera che soltanto nel 1929 erano state esposte a Mosca quattro opere dell'artista, mentre nel 1930 furono messi in mostra alcuni disegni e acqueforti.

La mostra alla Tretjakov, che resta aperta dal 20 aprile al 23 luglio 2017, e' curata dagli storici dell'arte Gianni Mercurio e Tatiana Gorjacheva e nasce grazie alla collaborazione tra la Galleria Tretjakov, la Fondazione Giorgio e Isa de Chirico e importanti musei italiani ed europei, la Galleria Nazionale di Roma, il Mart di Rovereto, il Centre Pompidou e il Victoria & Albert Museum.
Oltre 100 lavori ripercorrono esaustivamente l'excursus artistico di Giorgio de Chirico, dalle prime opere metafisiche, al periodo del suo impegno alla rivista 'Valori Plastici', alle composizioni neobarocche, alle sculture fino alle scenografie. Importante in tal senso il prestito dei costumi che de Chirico realizzo' nel 1929 per Sergej Djagilev per il balletto 'Le Bal', che venne messo in scena a Montecarlo e a Parigi. Alla cerimonia di apertura hanno preso parte, oltre a numerosissime personalita' dell'arte e della cultura, anche Olga Golodets Vice Primo Ministro del Governo della Federazione Russa, Zelfira Tregulova Direttrice della Galleria Tretjakov, l'Avv. Paolo Picozza Presidente della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, oltre all'Ambasciatore d'Italia nella Federazione Russa Cesare Maria Ragaglini.

Il catalogo della mostra e' stato per l'occasione realizzato dall'Istituto Italiano di Cultura di Mosca e conta al suo interno contributi scientifici di studiosi internazionali, che ne faranno una pietra miliare negli studi storico-artistici su de Chirico. L'evento ha goduto di ampia copertura da parte dei principali canali radiotelevisivi russi e della stampa russa e italiana (Corriere della Sera, Art Newspaper, Giornale dell'Arte, Izvestija, Kommersant, TASS fra gli altri).


24629
 Valuta questo sito