Khartoum - Cooperazione e fenomeno migratorio, l’Italia in prima linea in Sudan
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Khartoum - Cooperazione e fenomeno migratorio, l’Italia in prima linea in Sudan

Data:

23/02/2016


Khartoum - Cooperazione e fenomeno migratorio, l’Italia in prima linea in Sudan

L’Italia è in prima linea nella gestione del fenomeno migratorio in un Paese strategico come il Sudan. A confermarlo la missione congiunta, conclusa nei giorni scorsi a Khartoum, del ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale e degli Interni. A rappresentanza della Farnesina erano presenti Luigi Maria Vignali, direttore centrale per le questioni migratorie e i visti, e Marco Peronaci, consigliere diplomatico del ministro dell'Interno. Completavano la delegazione, guidata dal sottosegretario agli Interni Domenico Manzione, il prefetto Mario Morcone, direttore del dipartimento per le Libertà civili e l'immigrazione, ed Ezio Gaetano, del dipartimento Antiterrorismo della Polizia di Stato.

La delegazione, accompagnata dall’Ambasciatore d’Italia a Khartoum, Fabrizio Lobasso, ha incontrato le autorità sudanesi e le organizzazioni internazionali (l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni e l’Unhcr) - in presenza del titolare della sede estera di Khartoum dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, Alberto Bortolan: dagli incontri istituzionali è emerso da parte delle autorità sudanesi un grande apprezzamento per l’impegno dell’Italia a favore del Paese, anche attraverso l'operato della Cooperazione Italiana, presente e attiva fin dal 2006. Sono state  analizzate le sfide in tema di migrazione per il Paese, le azioni promosse sia internamente che in collaborazione coi Paesi confinanti, i bisogni nel campo della gestione del fenomeno migratorio. Tra le priorità emerse, il rafforzamento delle attività di gestione e controllo dei confini e la formazione dei corpi chiamati a effettuare tali attività


22192
 Valuta questo sito