Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Melbourne - All’imprenditore Giuseppe Garofalo l’onorificenza di Cavaliere

Data:

21/04/2015


Melbourne - All’imprenditore Giuseppe Garofalo l’onorificenza di Cavaliere

Giuseppe Garofalo, uno degli imprenditori italiani di maggior successo in Australia, ha ricevuto le insegne di Cavaliere dell’Ordine della Stella d’Italia dalle mani del console generale d’Italia a Melbourne, Marco Maria Cerbo. “La società da lui diretta, Bruno Distributors – spiega un comunicato stampa diffuso dal nostro Consolato - si posiziona fra le prime nel settore dell’importazione dei prodotti agroalimentari italiani e contribuisce in maniera decisiva alla conoscenza e alla diffusione delle nostre tradizioni eno-gastronomiche. Giuseppe Garofalo è originario della provincia di Siracusa, in Sicilia, e lavora nel settore della distribuzione alimentare dal 1988: da allora, si è sempre impegnato contribuendo con generosità a numerose organizzazioni caritatevoli australiane attive per aiutare l’infanzia e non solo”.

Garofalo si è impegnato contribuendo con generosità a numerose organizzazioni caritatevoli australiane attive per aiutare l’infanzi

L’onorificenza conferita all’imprenditore è fra le primissime decise dal nuovo presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, anch’egli siciliano. Nelle motivazioni per l’assegnazione del prestigioso riconoscimento, si legge che “in linea con le tradizioni di famiglia”, Garofalo “si è distinto nell’impegno in seno alla collettività italiana. Il contributo garantito regolarmente e generosamente alle attività comunitarie, nonché la costante partecipazione ai principali momenti di aggregazione hanno fatto sì che la sua figura sia generalmente rispettata e stimata. Il Sig. Garofalo, inoltre, è caratterizzato da un forte attaccamento alle istituzioni e da sempre garantisce sostegno alle iniziative organizzate sia dal Consolato generale che dall’Istituto italiano di cultura a Melbourne”.


20521
 Valuta questo sito