Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Melbourne - I kiwi del Belpaese arrivano sulle tavole dei consumatori australiani

Data:

27/02/2015


Melbourne - I kiwi del Belpaese arrivano sulle tavole dei consumatori australiani

Italia e Australia unite nel segno dei… kiwi. Grazie a un accordo tra la Kiwiny Green di Giavera del Montello, in provincia di Treviso e il Premier Fruits Group di Melbourne, negli scaffali australiani saranno presto a disposizione dei consumatori i kiwi coltivati in Veneto. La prima consegna di frutti italiani è avvenuta alla presenza del console generale d’Italia a Melbourne, Marco Maria Cerbo, che ha favorito la creazione del contatto tra l’azienda del nostro Paese e quella australiana. Il Premier Fruit Group, peraltro, è guidato da un imprenditore orgoglioso delle proprie origini italiane e abruzzesi: si tratta di Anthony Di Pietro, che è anche presidente della squadra di calcio di Melbourne, il Victory, attualmente al secondo posto dell’A-League.

I kiwi trevigiani, infatti, saranno commercializzati nei periodi in cui questi frutti non crescono nell’emisfero australe

“L’operazione – si legge in una nota del Consolato generale - intende sfruttare le differenti coltivazioni stagionali nei due Paesi: i kiwi trevigiani, infatti, saranno commercializzati nei periodi in cui questi frutti non crescono nell’emisfero australe. I prodotti di Kiwiny sono di alta qualità e biologici, grazie all’esperienza di un’azienda attiva sin dagli anni Settanta: sicuramente incontreranno il favore dei consumatori di Melbourne”. Il console Cerbo ha commentato: “Si può affermare che l’attività di promozione delle relazioni commerciali abbia, letteralmente, portato ottimi frutti. Lasciando da parte i giochi di parole, vorrei sottolineare che quella di oggi è una giornata significativa: perché dimostra che per le aziende italiane quello australiano può essere uno sbocco importante e perché conferma che le istituzioni possono giocare un ruolo chiave nel creare flussi commerciali”.


20188
 Valuta questo sito