Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Messico - Sace: nuovi progetti allo studio per 100 milioni

Data:

11/03/2015


Messico - Sace: nuovi progetti allo studio per 100 milioni

Sace partecipa alla missione promossa dal ministero degli Esteri e della Cooperazione internazionale in Messico e conferma l'impegno a sostenere la penetrazione delle imprese italiane in uno dei mercati piu' promettenti per l'export Made in Italy, sia nel breve che nel medio-lungo periodo. Il gruppo, che nel 2013 e' stata la prima societa' di export credit europea ad aprire un ufficio di rappresentanza nel Paese, conta oggi su un portafoglio di impegni da 1,2 miliardi di euro in questo mercato (secondo solo al Brasile per esposizione in America Latina), e sta lavorando su nuovi progetti per 100 milioni di euro in un'ampia varieta' di settori, con un crescente protagonismo delle Pmi oltre che dei grandi gruppi industriali italiani. Il Messico rientra nella rosa di mercati a elevato potenziale identificati da Sace verso cui favorire il rafforzamento dei flussi dell'export italiano nei prossimi tre anni.

Rafforzamento dei flussi dell'export italiano nei prossimi tre anni in Messico

Il Paese offrira' infatti crescenti opportunita' non solo come hub produttivo ma anche come meta per l'export. Contribuisce all'outlook positivo del Paese il piano di liberalizzazioni avviato dal governo in numerosi comparti strategici (energia in primis), per diversificare l'economia e rafforzare lo sviluppo industriale, insieme al trend di crescita del Pil (nel 2014 e' aumentato del 2,2 per cento). Le vendite italiane in Messico, oggi pari a circa 3,3 miliardi di euro, si concentrano prevalentemente nei settori della meccanica strumentale (33 per cento), della metallurgia (14) e dei mezzi di trasporto (12), ma hanno un potenziale di crescita ulteriore di 1,7 miliardi di euro nel prossimo biennio. Le migliori opportunita' di crescita proverranno soprattutto dal segmento della componentistica automotive (trainata dalla domanda degli Stati Uniti), dai settori delle energie rinnovabili e delle tecnologie specifiche per lo sfruttamento di giacimenti offshore.


20252
 Valuta questo sito