Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Messico - Si parla di San Benedetto il Moro all'IIC di Città del Messico

Data:

16/03/2017


Messico - Si parla di San Benedetto il Moro all'IIC di Città del Messico

L'Istituto Italiano di Cultura presenta la conferenza "San Benedetto il Moro dalla Sicilia al Nuovo mondo" della professoressa Giovanna Fiume dell'Universita' di Palermo che si svolgerà venerdì 17 marzo alle 19.00 nella sua sede.

Benedetto, figlio di due schiavi africani cristianizzati, nasce in Sicilia nel 1524, entra in una Congregazione francescana dedita all'eremitaggio e, nel 1562, nel convento di Santa Maria di Gesù, presso Palermo. Viene considerato dall'elite e dal popolo minuto della capitale del Viceregno spagnolo un "santo vivo" e a lui tutti accorrono per chiedere miracoli, soprattutto di guarigione.

Subito dopo la sua morte (nel 1589) si avviano i processi di canonizzazione, ma ben prima che essi si concludano Benedetto viene venerato come santo e la sua devozione si diffonde dalla Sicilia alla penisola iberica e da qui nelle Americhe.

Sono i francescani a proporre il suo modello di santità (lo schiavo docile e ubbidiente, pur nella sofferenza della schiavitù) agli africani che la tratta deporterà in misura crescente verso il centro e il sud America. Qui saranno le confraternite nere, organizzate sotto il suo patrocinio, a determinarne la fortuna e a caratterizzarne il culto attraverso manifestazioni devozionali con marcate caratteristiche proveniente dalla cultura africana. Ciò avverrà ben prima che il papa proclami Benedetto beato (nel 1743) e poi santo (nel 1807).


24383
 Valuta questo sito