Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Michelangelo Pistoletto per la prima volta in Albania

Data:

04/05/2016


Michelangelo Pistoletto per la prima volta in Albania

Nell’ambito del progetto Art House Scutari 2016, domenica 15 maggio l’appuntamento è con la prima visita in Albania di Michelangelo Pistoletto, uno dei massimi artisti italiani viventi. L’evento è organizzato da Art House Scutari e dall’Istituto italiano di cultura di Tirana. Opere di Pistoletto sono presenti nei maggiori musei d’arte moderna e contemporanea; ha partecipato a nove edizioni della Biennale di Venezia e a quattro della Documenta di Kassel. Nel 2013 una sua personale si è tenuta al Louvre di Parigi. Nel 2013 l'artista ha pubblicato con A. Elkann il testo autobiografico “La voce di Pistoletto”, in cui sono ricostruiti la sua vita e il suo percorso creativo. Tra i numerosi riconoscimenti ricevuti: il Leone d'oro alla carriera alla 50° Biennale di Venezia (2003); il Wolf Foundation Prize in Arts (2007); il Praemium Imperiale dalla Japan Art Association (2013).

L’artista

Michelangelo Pistoletto (1933), pittore e scultore, è uno dei più importanti artisti italiani viventi. Dopo le giovanili esperienze nel campo del restauro e della pubblicità, agli inizi degli anni Sessanta dà avvio ad un percorso artistico che lo porta a divenire ben presto uno degli artisti di riferimento della propria generazione. La sua opera s'inserisce nell'ambito della cosiddetta “nuova oggettività” di cui è in Italia uno dei più significativi interpreti. L’artista  utilizza una tecnica personale assolutamente inedita, riportando immagini fotografiche a dimensione reale su vaste superfici di acciaio inossidabile specchiante e nei plexiglas. Tra la fine degli anni Settanta e gli anni Ottanta, Pistoletto si avvicina alla scultura in poliuretano, gesso, cemento o in marmo con opere come L’etrusco (1976), L’Annunciazione (1980), il Gigante (1981) o L’acrobata (1982). Nel 1998 fonda a Biella il centro multiculturale e plurisettoriale Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, con lo scopo di “ispirare e produrre un cambiamento responsabile nella società attraverso idee e progetti creativi”. La città diventa punto di incontro per mostre, convegni, incontri e dibattiti. Nel 2015 ha organizzato sulla spiaggia di Gallipoli un’enorme performance con centinaia di giovani che hanno disegnato con i loro corpi il simbolo del Terzo Paradiso: una riconfigurazione del segno matematico d’infinito.


22672
 Valuta questo sito