Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

“Svolta in politica Estera”

Data:

13/09/2004


“Svolta in politica Estera”

11 settembre 2004 - Se la ricchezza non dà la felicità, figuriamoci la povertà. Con questa breve ma significativa riflessione il sottosegretario Mario Baccini ha concluso il suo intervento in occasione della presentazione del suo libro.

D. Un lavoro difficile che in fase di elaborazione ha mantenuto sempre puro. Perché?

R. “Quando si parla di fame, di povertà e di solidarietà il rischio di scadere nella retorica è forte con la tentazione di dare grosse parole a chi ti ascolta. Per questo ho cercato di argomentare le ragioni che volevo spiegare con il supporto di dati scientifici precisi e con dossier del Ministero. Tutto, infatti, è documentabile. L'unico alimento della mia fantasia non è affatto la retorica”.

D. Qual è stato lo schema seguito?

R. “Ho tracciato un percorso partendo dalla nostra politica estera”.

D. Quali sono gli elementi fondamentali?

R. “La cooperazione allo sviluppo e quella culturale. Questo permette di capire come e perché il Ministero degli Affari esteri interviene e dà risposte ai grandi temi internazionali”.

D, Perché il paragone-sottotitolo “Dal Papa agli U2”?

R. “Il Papa più volte ha invitato i capi di Stato, i Governi e gli organismi internazionali di avviare le politiche per azzerare il debito. Dobbiamo mettere in moto l'economia perché così facendo la solidarietà sarà oggetto della ricchezza che noi creiamo”.

D. Come definisce l'attuale momento storico?

R. “E' il momento delle politiche economiche e delle scelte politiche. La libertà dei mercati deve convivere e non prevalere sulla fratellanza dei popoli”.

D. Che tipo di ruolo può essere accreditato alla diplomazia preventiva?

R. “E' un lavoro silenzioso e attento anche nelle situazioni meno conflittuali, che punta a risolvere contrasti e difficoltà. Purtroppo quando un conflitto non c'è, difficilmente i mass-media si occupano di particolari situazioni o di politica estera e scenari internazionali”.


Luogo:

Rome

5711
 Valuta questo sito