Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Nota Farnesina su ex Repubblica Jugoslava di Macedonia

Data:

03/05/2017


Nota Farnesina su ex Repubblica Jugoslava di Macedonia

L’Italia segue con preoccupazione il perdurare e l’evolversi della crisi politica nella Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia. Condanna in particolare ogni forma di violenza avverso le Istituzioni – a partire dagli eventi del 27 aprile scorso - ed auspica che il confronto tra le forze politiche avvenga nel luogo a ciò deputato, ovvero il Parlamento, e nelle forme riconosciute dalle normali regole democratiche. Chiede il massimo impegno, da parte di tutti coloro che rivestono responsabilità politiche, al fine scongiurare ogni forma di confronto violento, così come ogni possibile deriva verso scenari passibili di rinfocolare pericolosi dissidi inter-etnici.

L’Italia prende atto dell’avvenuta elezione dell’On. Talat Xhaferi alla Presidenza del Parlamento ed auspica che da tale elezione possa prendere avvio uno sforzo collettivo per la ricerca di una soluzione il più possibile consensuale, in grado di condurre il Paese ad avere presto un governo dotato di adeguato sostegno parlamentare ed in linea con il dettato costituzionale. Tale sviluppo rientra nell’interesse primario della stessa popolazione del Paese ed è indispensabile affinché la Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia possa riprendere quel percorso di riforme che solo può consentire di far avanzare il Paese nel cammino verso l’integrazione euro-atlantica.

L’Italia attribuisce la massima importanza al progresso della Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, così come degli altri Stati della Regione, verso l’integrazione europea ed è a tal fine impegnata nell’attuale esercizio della Presidenza di turno del Processo dei Balcani Occidentali.

L’Italia invita la Ex Repubblica Jugoslava di Macedonia, così come gli altri Stati della Regione, a procedere convintamente verso l’integrazione europea ed è a tal fine impegnata nell’attuale esercizio della Presidenza di turno del Processo o dei Balcani Occidentali. In tale quadro auspica che le autorità di Skopje adottino tutti i passi necessari affinché il Paese possa trarre il massimo vantaggio dalla partecipazione al Processo, a partire dal Vertice dei Balcani Occidentali in programma a Trieste il 12 luglio 2017.


24661
 Valuta questo sito