Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

ONU: Consiglio Diritti Umani adotta prima Risoluzione su prevenzione Matrimoni Precoci e Forzati

Data:

02/07/2015


ONU: Consiglio Diritti Umani adotta prima Risoluzione su prevenzione Matrimoni Precoci e Forzati

Il Consiglio Diritti Umani dell’ONU ha adottato oggi per consenso la prima Risoluzione di sostanza sulla prevenzione e l’eradicazione dei Matrimoni Precoci e Forzati (“Child, Early and Forced Marriages”), un significativo progresso nella tutela dei diritti umani e delle libertà individuali.

Una violazione dei diritti umani, in particolare delle donne e delle bambine

L’Italia, con la Sierra Leone, ha co-presieduto i negoziati per definire il testo della Risoluzione, che ribadisce che i matrimoni precoci e forzati rappresentano una violazione dei diritti umani, in particolare delle donne e delle bambine. La Risoluzione sottolinea l’importanza del coinvolgimento dell’intera società e richiama gli attori impegnati nel settore umanitario a rafforzare il monitoraggio e gli interventi di prevenzione per contrastare il ricorso ai matrimoni precoci e forzati.  

Il ruolo attivo svolto dall’Italia, membro dal 2013 del gruppo transregionale di Paesi che si oppongono a tale pratica, per l’eliminazione dei matrimoni precoci e forzati, così come delle mutilazioni genitali femminili, conferma la priorità accordata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ai diritti dei minori, soprattutto delle bambine. Il traguardo di oggi è il risultato degli sforzi della diplomazia italiana di coagulare il consenso su tale tema, attraverso il dialogo inclusivo con partner appartenenti a tutti i gruppi regionali.


20961
 Valuta questo sito