Promozione integrata della cultura italiana, diplomazia e cinema: presentazione del lungometraggio “Acqua e zucchero – Carlo di Palma, i colori della vita”
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Promozione integrata della cultura italiana, diplomazia e cinema: presentazione del lungometraggio “Acqua e zucchero – Carlo di Palma, i colori della vita”

Data:

11/05/2017


Promozione integrata della cultura italiana, diplomazia e cinema: presentazione del lungometraggio “Acqua e zucchero – Carlo di Palma, i colori della vita”

Presentato al Bari International Film Festival e  a  Roma, “Acqua e zucchero – Carlo Di Palma, i colori della vita”, un film documentario di Fariborz Kamkari, realizzato in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri  e della Cooperazione internazionale,  Regione Lazio,  Istituto Luce Cinecittà , Centro Sperimentale di Cinematografia. Prodotto da Adriana Chiesa, con una produzione ACEK s.r.l. in associazione con Faram, e.MAGINE, Cinefinance Italia e Rai Cinema e MIBACT. Il documentario è dedicato a Carlo Di Palma, uno dei principali direttori di fotografia del cinema italiano e mondiale. La pellicola, infatti, esplora decine di capolavori della nostra cinematografia uniti dal filo rosso dello sguardo Di Palma, che già da giovanissimo lavorava sul set del primo film neorealista, Ossessione di Visconti, e poi su quello del film manifesto del movimento, Roma città aperta, e sempre con Rossellini in Paisà, e con De Sica in Sciuscià e Ladri di biciclette. Come dire: i set fondamentali del tempo. Di Palma è poi sul set di quello che il grande critico Noël Burch ha definito il primo film moderno, Cronaca di un amore di Antonioni: Con il maestro ferrarese Di Palma darà colori e immagine anche ai primi capolavori del postmoderno: Deserto rosso e Blow up. Fotografa memorabili pellicole di Germi (Divorzio all’italiana), Monicelli (L’armata Brancaleone, La ragazza con la pistola), Petri (L’assassino), Bernardo Bertolucci (La tragedia di un uomo ridicolo). E con gli anni ’80 porta il meglio del cinema europeo negli USA, grazie al lavoro con un genio contemporaneo come Woody Allen, per un’altra serie commovente di film: cominciando da Hannah e le sue sorelle, a Radio Days, Settembre, Misterioso omicidio a Manhattan, Alice… Nel quadro della rinnovata azione di promozione integrata svolta dalla Farnesina, il documentario - dopo le anteprime mondiali a Venezia e Toronto, seguite da presentazioni a Berlino, Tel Aviv, Madrid e Sofia, ed essere stato premiato con il Nastro d’Argento per il Miglior documentario su Cinema e spettacolo, e aver ottenuto la nomination per il Miglior documentario ai David di Donatello – sarà ulteriormente portato all’attenzione del pubblico internazionale per mezzo di una circuitazione presso la rete delle Ambasciate d’Italia e degli Istituti di cultura italiani all’estero .


Tags:

Cultura

24719
 Valuta questo sito