Sudan - L’impegno dell’Italia per il reinserimento degli ex combattenti in Sudan
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Sudan - L’impegno dell’Italia per il reinserimento degli ex combattenti in Sudan

Data:

14/09/2017


Sudan - L’impegno dell’Italia per il reinserimento degli ex combattenti in Sudan

Si è svolta a Khartoum, nella sede centrale del Disarmement, Demobilization and Reintegration Program (DDR), la cerimonia di inaugurazione e messa in funzione del materiale informatico recentemente donato alle istituzioni sudanesi dalla Cooperazione italiana, per il tramite dell’Agenzia italiana per la Cooperazione e lo Sviluppo (AICS) a Khartoum. All’inaugurazione hanno partecipato il Commissario Generale del DDR, il Direttore Pianificazione per la Cooperazione Internazionale del Ministero degli Esteri sudanese, l’Ambasciatore d’Italia in Sudan Fabrizio Lobasso e il Direttore AICS Khartoum Vincenzo Racalbuto. La donazione di circa 25.000 euro ha compreso materiale informatico cruciale per il lavoro di pianificazione e sviluppo della DDR, come computer portatili, server, stampanti e soprattutto programmi online per l’identificazione e registrazione di ex combattenti, la cui reintegrazione nella società civile e nell’ambiente lavorativo è una priorità assoluta per l’amministrazione sudanese. “Questo nuovo intervento della Cooperazione Italiana in Sudan si inscrive nell’ambito del supporto italiano al rafforzamento della capacity bulding della DDR e delle istituzioni locali, quale contributo diretto alla stabilizzazione del paese e allo sviluppo a lungo termine di una strategia inclusiva per le popolazioni vulnerabili e per la società civile colpita dalle confrontazioni belliche”, ha dichiarato l’Ambasciatore Lobasso.


25414
 Valuta questo sito