Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Teheran - Imprese, le Marche a caccia di nuovi investimenti in Iran

Data:

13/07/2016


Teheran - Imprese, le Marche a caccia di nuovi investimenti in Iran

Le piccole e medie imprese marchigiane si presentano in Iran: un Paese che ritorna alla normalità dei rapporti internazionali dopo la fine dell’embargo e che offre grandi opportunità alle aziende italiane. È in corso in questi giorni una missione economica di circa 50 imprenditori della Regione Marche guidata dal Presidente Luca Ceriscioli, in collaborazione con Confindustria Marche, le Camere di Commercio delle Marche, le università di Camerino e Macerata. A Teheran, a ricevere il Presidente Ceriscioli e la delegazione degli imprenditori delle Marche, l'Ambasciatore d’Italia a Teheran Mauro Conciatori e la rappresentanza economica e commerciale, che si sono a lungo intrattenuti per discutere sulle prospettive e sui problemi dell'Iran e dell’intera area asiatica. Alla missione è stato dato ampio risalto dai media iraniani che hanno sottolineato come, dopo gli incontri ufficiali tra i Governi dei due Paesi, questa sia stata la prima missione economica organizzata da una regione italiana, missione che non si basa sulle grandi aziende, bensì sul sistema delle Pmi.

La prima giornata di lavoro della folta delegazione marchigiana si è svolta a Teheran con incontri istituzionali, economici e commerciali. Le autorità iraniane, che hanno voluto ospitare gli incontri presso la sede principale del Ministero dell'Economia, hanno presentato la situazione economica del Paese specificando i loro bisogni e le opportunità presenti. Le Marche sono viste (e studiate) come un modello di possibile riferimento in molti settori. “I rapporti che abbiamo costruito negli ultimi mesi, improntati sulla reciproca conoscenza e sulla fiducia - ha detto Ceriscioli - ci rendono partner affidabili ed è proprio questo rapporto di stima e di correttezza che ci consente di avviare una fase nuova su cui costruire rapporti duraturi e si spera fecondi di collaborazione. Non escludo che già nel corso dell'anno si possa dar seguito a questo primo incontro con altre iniziative che vedano gli imprenditori protagonisti”.


23104
 Valuta questo sito