Tokyo - “L’incanto delle donne del mare” negli scatti di Fosco Maraini
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Tokyo - “L’incanto delle donne del mare” negli scatti di Fosco Maraini

Data:

04/06/2015


 Tokyo - “L’incanto delle donne del mare” negli scatti di Fosco Maraini

Chi dice Fosco Maraini dice un etnologo, un orientalista,  un viaggiatore,  uno scultore, uno scrittore e un poeta. E dice anche un artista che fece della fotografia “uno dei mezzi a sua disposizione per cogliere l’essenza di fatti, civiltà e persone”. Oggi è il Giappone a rendergli omaggio: da martedì 16 a  martedì 30 giugno la Sala Esposizioni dell’ Istituto Italiano di Cultura di Tokyo ospiterà, infatti, la mostra “L’incanto delle donne del mare” che raccoglie le 30 fotografie (tutte in bianco e nero) scattate in Giappone nel 1954 dal fotografo conosciuto anche per essere il padre della scrittrice Dacia Maraini.

Fotografia “uno dei mezzi a sua disposizione per cogliere l’essenza di fatti, civiltà e persone”.

La prima permanenza in Giappone di Maraini - scomparso a Firenze l’8 giugno del 2004 - risale al 1939 ed è legata a una serie di studi sull’etnia Ainu.  Rientrato in patria alla fine della guerra, Maraini torna in Giappone nel 1954 per svolgere una serie di ricerche e raccogliere una documentazione fotografica sulle donne “ama” nella zona di Hekura, nella penisola di Noto. Maraini con i suoi scatti ha raccontato la vita delle “ama” (che in giapponese significa “donne del mare” ): donne che si immergevano in apnea  - per anche due minuti nelle acque gelide e su fondali profondi - in cerca di crostacei e molluschi.  Le foto non illustrano solo il lavoro delle “ama” ma anche la vita di tutti i giorni e le tradizioni dei villaggi


20809
 Valuta questo sito