Tunisi - Danza acrobatica, la compagnia Sonics porta in scena “Meraviglia”
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Tunisi - Danza acrobatica, la compagnia Sonics porta in scena “Meraviglia”

Data:

17/12/2015


Tunisi - Danza acrobatica, la compagnia Sonics porta in scena “Meraviglia”

Sarà il Théâtre Municipal di Tunisi - come ricorda l'Istituto Italiano di cultura della città -  ad ospitare venerdì 18 dicembre alle 20 l’attesissima tappa della tournée teatrale dei Sonics. Sonics, compagnia italiana di danzatori e acrobati, presenterà al pubblico tunisino “Meraviglia” (foto di Massimiliano Pappa): spettacolo che ha già calcato palcoscenici e riempito piazze in tutta Italia e nel mondo intero. Chi dice “Meraviglia” dice infatti un successo mondiale: lo spettacolo annovera oltre 400 repliche nei teatri, nelle piazze, nei festival e in grandi eventi in tutto il mondo. Acrobazie aeree mozzafiato, performance atletiche che si trasformano i corpi in vere e proprie poesie visive, e tutta la geniale e multiforme fantasia del nouveau cirque e della danza acrobatica trasporteranno il pubblico di tutte le età in un viaggio “meraviglioso” negli spazi magici e infiniti della fantasia umana.

“Meraviglia”

“Meraviglia”  è una favola moderna dove animali, fiori e altre creature bizzarre fanno capolino, in cui una carezza si trasforma in una straordinaria storia d’amore sospesa per aria e dove succedono cose incredibili, possibili solo se si prova ad andare oltre i propri limiti, fisici e immaginativi. “Meraviglia” è una creazione di Alessandro Pietrolini, fondatore, insieme ad Ileana Prudente, dei Sonics, una compagnia di acrobati rigorosamente italiana, protagonista negli anni di eventi magici in Italia e nel mondo intero.  Meraviglia ci ricorda che l’unico vero “elisir” della vita risiede dentro noi stessi e nella capacità di emozionarci di fronte alle cose semplici. “Se solo imparassimo a scollegarci dalla realtà...” ognuno di noi ritroverebbe dentro di sé il suo pianeta Meraviglia.


21854
 Valuta questo sito