Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Comunicato

Data:

26/06/2006


Comunicato

Il Vice Ministro degli Affari Esteri Intini ha partecipato oggi alla riunione dei rappresentanti dei Consigli economici e sociali dei Paesi della Regione euromediterranea, svoltasi oggi a Roma a Villa Lubin, sede del CNEL.

L' incontro di oggi ha inaugurato la quarta sessione (“Quarta Visita”) del “TRESMED 2”, cioè del progetto che, dando seguito alla Dichiarazione di Barcellona del 1995, promuove la cooperazione fra i Consigli Economici e Sociali di 29 Paesi dell' Europa e del Mediterraneo.

La quarta sessione, che continuerà i suoi lavori a Bruxelles sino al 30 giugno, intende proseguire l' iniziativa TRESMED per favorire la collaborazione tra i Paesi del Mediterraneo, attraverso il consolidamento dei rapporti tra le istituzioni che promuovono la partecipazione attiva dei cittadini alla vita economica e sociale.

Il Progetto TRESMED - ha sottolineato Intini - costituisce un efficace strumento per facilitare sia l' integrazione dei mercati sia l'instaurazione di un'area di libero scambio tra le due sponde del Mediterraneo. In particolare, i Consigli economici e sociali, nel loro ruolo di istituzioni nazionali deputate al dialogo tra i rappresentanti delle diverse istanze del mondo del lavoro e delle imprese, contribuiscono a favorire la cooperazione economica regionale e l'integrazione dei sistemi produttivi nazionali.

Il Vice Ministro Intini si è fatto interprete, parlando ai partecipanti al progetto TRESMED, dell' incoraggiamento del Governo italiano a proseguire negli sforzi sin qui intrapresi, tenuto conto che le relazioni commerciali e gli investimenti “Sud-Sud” fra i Paesi mediterranei sono ancora molto al di sotto delle reali potenzialità, rappresentando meno del 10% degli scambi complessivi con l'estero.

Al riguardo, il Vice Ministro Intini ha ricordato che il nostro Governo intende adoperarsi affinchè venga costituita una “Banca euro-mediterranea di sviluppo”, nella convinzione che tale strumento potrà innescare processi di sviluppo endogeni nei Paesi della sponda sud, incoraggiando gli investimenti privati diretti, e stimolando l' attuazione di politiche economiche di modernizzazione e sviluppo.


Luogo:

Roma

2905
 Valuta questo sito