Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Comunicato

Data:

03/07/2006


Comunicato

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Esteri, Massimo D'Alema, ha incontrato oggi alla Farnesina una delegazione di Amnesty International, guidata dal Direttore della Sezione italiana,Gabriele Eminente. Nel corso del cordiale incontro sono state evocate varie tematiche in materia di diritti fondamentali. Il Ministro ed i suoi interlocutori hanno in particolare avuto un utile scambio di vedute sulla questione di una più rigorosa disciplina internazionale del commercio delle armi anche in vista di un possibile ruolo di impulso che potrebbe essere svolto dall'Italia.

I dirigenti di Amnesty International Italia hanno inoltre chiesto al Ministro D'Alema di farsi interprete presso il Governo e le altre Amministrazioni italiane sull'importanza di avviare al più presto l'iter di ratifica di alcune convenzioni internazionali in materia di prevenzione della tortura e di abolizione della pena di morte in tutte le circostanze, nonché di accelerare l'adeguamento dell'ordinamento italiano allo Statuto della Corte Penale Internazionale. I rappresentanti di Amnesty International hanno altresì evocato la necessità di una maggiore trasparenza nella gestione dei Centri di Permanenza Temporanea e Assistenza (CPTA) e più in generale nel trattamento riservato a migranti e a richiedenti asilo.

Il Ministro D'Alema ha ricordato l'importanza che il Governo italiano attribuisce al rispetto dei diritti umani e della legalità internazionale in tutte le circostanze, compresa la lotta al terrorismo. Nel riservarsi un approfondimento di possibili iniziative legislative in materia di cittadinanza, asilo e libertà religiosa, egli ha infine assicurato che il Ministero degli Esteri si adopererà - in pieno raccordo con gli altri Dicasteri competenti - nell'opera di pieno adeguamento dell'Italia alla normativa internazionale sui diritti fondamentali.


Luogo:

Roma

2675
 Valuta questo sito