Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Comunicato

Data:

18/10/2006


Comunicato

Il Vicepresidente del Consiglio e Ministro degli Esteri Massimo D'Alema ha offerto oggi a Villa Madama un pranzo ai Capi Missione degli Stati membri della Lega Araba accreditati a Roma e al Capo Missione in Italia della stessa Lega degli Stati arabi. Durante l' incontro, il Ministro D'Alema ha ribadito la speciale priorità che il Governo intende assegnare alla politica verso il Mediterraneo, il Medio Oriente e il Golfo, anche alla luce delle radici profonde e solide che caratterizzano i rapporti dell' Italia con il mondo arabo. Al riguardo, egli ha evidenziato che la promozione del dialogo tra culture, e soprattutto al livello delle società civili, contribuisce ad isolare gli estremismi e favorisce condizioni di pace, di sviluppo e di stabilita' nella regione.

L'Italia - ha detto il Ministro - intende tener fede alla sua vocazione di Paese che promuove il dialogo e alla sua funzione di ponte tra l'Europa ed il mondo arabo.

Anche nella prospettiva della Riunione Ministeriale del Forum Euro-Mediterraneo di Alicante, ampio spazio è stato dedicato al partenariato Euro-Mediterraneo, al cui rilancio l' Italia intende contribuire attivamente.

In particolare, il Ministro D'Alema ha fatto riferimento a due concrete iniziative sostenute dall'Italia: incrementare la collaborazione tra universita' europee ed arabe, attraverso l'istituzione di un programma analogo all "Erasmus" europeo, e la creazione di un'istituzione finanziaria euro-mediterranea eventualmente animata da un gruppo di Paesi promotori.

Il Ministro D'Alema si è inoltre soffermato sull' iniziativa italiana per la soluzione del conflitto israelo-libanese, evidenziando il ruolo svolto per favorire il coinvolgimento della Comunità internazionale, in particolare per incoraggiare l'intervento delle Nazioni Unite e per stimolare una partecipazione convinta dell'Europa alla costituzione dell'UNIFIL rafforzata.

L'Italia auspica che un forte contributo alla ricostruzione del Libano possa giungere anche dai Paesi della regione.

In questo contesto, il Ministro D'Alema ha sottolineato che i problemi del Medio Oriente vanno affrontati in maniera globale promuovendo una soluzione complessiva e durevole di pace, e che le radici dell' instabilità dell'area sono da ricercarsi in buona parte nel conflitto israelo-palestinese. Va ora profuso un fattivo impegno affinche' - ha osservato D'Alema - si colga la nuova opportunita' creata dalla fine della violenza in Libano e dalle nuove iniziative della comunità internazionale per affrontare con maggior decisione la questione palestinese.


Luogo:

Roma

2717
 Valuta questo sito