Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Comunicato

Data:

31/05/2007


Comunicato

Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Esteri, Massimo D’Alema, ha espresso soddisfazione per la visita che oggi l’Ambasciatore a Kabul, Sequi, ha potuto effettuare a Ramatullah Hanefi. Tale visita era stata ripetutamente richiesta alle autorità afgane, da ultimo anche in occasione della recente missione effettuata dal Ministro a Kabul.

Nel corso dell’incontro, l’Ambasciatore Sequi ha potuto verificare che nel complesso le condizioni di salute di Ramatullah Hanefi appaiono soddisfacenti, compatibilmente con la situazione di detenzione nella quale egli si trova. Hanefi si è mostrato particolarmente provato dalla prolungata condizione di isolamento, ma ha riferito di essere regolarmente visitato da personale medico.

L’Ambasciatore Sequi ha ribadito alle autorità afgane la necessità di prevedere per Hanefi un trattamento pienamente conforme ai principi di umanità e di rispetto dei diritti fondamentali. Inoltre, l’Ambasciatore Sequi ha verificato che la difesa di Hanefi potrà essere assunta dal legale richiesto dalla famiglia e da Emergency.

Il Ministro D’Alema rileva che si tratta di uno sviluppo positivo della vicenda, ma che non può essere ancora ritenuto sufficiente. In particolare, la Farnesina e il Governo italiano continueranno a svolgere ogni utile azione affinché eventuali capi di imputazione nei confronti di Hanefi vengano formalizzati al più presto, anche in ragione del fatto che la sua carcerazione si è protratta troppo a lungo e, se del caso, si avvii un regolare procedimento giudiziario improntato a criteri di massima trasparenza e di garanzia dei diritti della difesa; o, in alternativa, si proceda altrettanto sollecitamente all’archiviazione del caso.


Luogo:

Roma

7135
 Valuta questo sito