Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

25/09/2007


Dettaglio comunicato
Il Sottosegretario agli Affari Esteri Gianni Vernetti ha incontrato oggi alla Farnesina l’Incaricato d’Affari dell’Ambasciata dell’Unione di Myanmar (Birmania), Hlaing Myint.
Il Sottosegretario Vernetti durante l’incontro ha espresso a nome del Governo italiano la più viva preoccupazione per quanto sta accadendo in queste ore nella capitale Yangon ed in tutto il paese.
Il Sottosegretario Vernetti ha chiesto all’Incaricato d’Affari birmano di trasmettere alla Giunta militare al potere in Myanmar la richiesta del Governo italiano di aprire un dialogo immediato con i monaci, con i membri della National League for Democracy e con tutta l’opposizione birmana e di non far ricorso ad alcuna forma di violenza nei confronti delle dimostrazioni pacifiche e nonviolente di questi giorni.
Il Sottosegretario Vernetti ha inoltre protestato per i recenti episodi di repressione che hanno portato all’arresto di decine di manifestanti ed alle condanne arbitrarie di numerosi sindacalisti e oppositori del regime, reiterando la richiesta di libertà immediata del Premio Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, segregata agli arresti domiciliari dal 2003, insieme al rilascio dei prigionieri politici detenuti in modo arbitrario.
Il Sottosegretario Vernetti ha infine ricordato al diplomatico birmano che l’Italia intende seguire con la massima attenzione l’evolversi della situazione in Myanmar e che promuoverà  in tutti gli ambiti multilaterali, dal Consiglio di Sicurezza, all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite tutte le iniziative necessarie per sostenere il desiderio di libertà del popolo birmano e per favorire il dialogo fra il regime di Yangon e l’opposizione democratica.
Il Sottosegretario Vernetti incontrerà domani a New York, ai margini della 62° Assemblea Generale delle Nazioni Unite, lo “Special Adviser”  su Myanmar del Segretario Generale, Ibrahim Gambari e il Primo Ministro del Governo birmano in esilio, Sein Win.

Luogo:

Roma

7352
 Valuta questo sito