Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

09/10/2007


Dettaglio comunicato
Il Sottosegretario agli Affari Esteri Gianni Vernetti partecipa oggi a Lisbona alla Conferenza "Europa contro la Pena di morte", organizzato dalla Presidenza portoghese dell'Unione Europea, dalla Commissione Europea e dal Consiglio d'Europa. L'evento testimonia l’impegno dell'Europa su un tema in cui è da tempo in prima linea  e conferma la forte sintonia tra l’Italia ed il Portogallo nella battaglia contro la pena capitale.
L'Italia ha organizzato, insieme alla Presidenza portoghese,  il 28 settembre a New York ai margini dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite un evento contro la pena di morte, cui hanno partecipato più di 100 Paesi. Grazie all’azione svolta dall’Italia, inoltre il Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa ha istituito la “Giornata Europea contro la pena di morte”. Sono successi che incoraggiano l'Italia e l'Unione Europea a intensificare l'azione a New York per la presentazione all'Assemblea Generale di una risoluzione sulla moratoria universale delle esecuzioni e l'abolizione della pena di morte.
Dal 1990 più di 50 Paesi hanno abolito la pena di morte. Ad oggi circa 130 Paesi rispettano una moratoria per le esecuzioni capitali. Tuttavia, nel 2006 sono state condotte nel mondo 5628 esecuzioni capitali ed il numero di Paesi che le ha realizzate è salito da 24 nel 2005 a 27 nel 2006. Alla Conferenza di Lisbona il Sottosegretario Vernetti riaffermerà pertanto la necessità di rafforzare gli sforzi e confermerà l'impegno dell'Italia in un'iniziativa di altissimo valore politico e morale, cui il Governo, il Parlamento e la società civile hanno dato un forte contributo

Luogo:

Roma

7379
 Valuta questo sito