Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

23/10/2007


Dettaglio comunicato
Il Sottosegretario agli Affari Esteri Gianni Vernetti ha incontrato oggi a Singapore il Ministro degli Esteri George Yo a conclusione di una missione incentrata sulla situazione in Birmania, cominciata ieri in Thailandia. A Bangkok il Sottosegretario Vernetti ha incontrato il ministro degli Esteri Nitya Pibulsonggram e una delegazione del governo birmano in esilio. Singapore ha la presidenza di turno dell’Asean mentre la Thailandia, oltre ad ospitare un largo numero di rifugiati birmani è tra i primi partner commerciali di Myanmar. Obiettivo della missione era quello di raccogliere le valutazioni dei principali attori della regione e concordare una comune azione diplomatica, anche in vista del vertice UE-ASEAN del 22 novembre.
 Grande apprezzamento è stato espresso dagli interlocutori del Sottosegretario Vernetti per il ruolo svolto dall’Italia nel corso della crisi in Birmania, sia nel contesto delle Nazioni Unite che nelle decisioni assunte dai Ministri degli Esteri europei la scorsa settimana.
 Il Ministro degli Esteri di Singapore, ha in particolare sottolineato l’importanza del prossimo vertice dell’Organizzazione in programma il 21 novembre nel corso del quale la crisi birmana sarà centrale. Il Sottosegretario Vernetti ha esortato il governo di Singapore e degli altri paesi Asean a fare in modo che dal vertice di fine novembre esca un forte messaggio nei confronti della giunta birmana affinché si impegni senza indugi in un processo di dialogo e riconciliazione nazionale che includa i rappresentanti dei partiti di opposizione. Preliminare ad ogni iniziativa in tal senso deve essere la cessazione di ogni forma di repressione e la liberazione di Aung San Su Kyi. E inoltre importante, ha aggiunto il Sottosegretario Vernetti, che la comunità internazionale e in particolare Paesi come la Cina e l’India facciano pervenire segnali coerenti e compatti alle autorità birmane.
I Ministri degli Esteri di Singapore e Thailandia hanno inoltre riconosciuto l’importanza delle pressioni internazionali sulla giunta birmana e attribuito un ruolo fondamentale ai buoni uffici dell’inviato speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite Ibrahim Gambari di cui hanno auspicato una prossima missione a Yangoon.
Nel convenire sul ruolo centrale delle Nazioni Unite, il Sottosegretario Vernetti, ha manifestato, ancora una volta, la piena disponibilità dell’Italia e dell’Unione Europea a farsi parte attiva di ogni iniziativa internazionale che possa contribuire a favorire una pacifica soluzione della crisi e ad alleviare le condizioni della popolazione birmana.

Luogo:

Singapore

7417
 Valuta questo sito