Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

15/11/2007


Dettaglio comunicato
Il Vice presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri Massimo D’Alema ha accolto con viva soddisfazione l’approvazione – da parte della Terza Commissione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite – del testo della risoluzione per la moratoria della pena capitale nel mondo.
Il voto della Terza Commissione costituisce un passo decisivo verso l’adozione definitiva della risoluzione da parte della plenaria dell’Assemblea Generale, che dovrebbe avvenire nel mese di dicembre.
L’Italia conferma di essere in prima linea nel mondo in materia di tutela dei diritti umani. La lotta contro la pena di morte a livello internazionale è uno dei temi prioritari di politica estera, che vede impegnati Governo, Istituzioni, forze politico-parlamentari e organizzazioni non governative in una campagna corale, convinta e tenace che ha prodotto un primo, rilevante risultato.
La votazione di oggi nella Terza Commissione sulla risoluzione presentata dall’Italia e dall’UE,  che ha ottenuto 99 favorevoli, lascia ben sperare per l'esame da parte dell'Assemblea Generale. Il voto di oggi e' avvenuto infatti nel quadro di un’alleanza transregionale tra Paesi di tutti i continenti e, pertanto, pone le premesse affinche'  l’organo più rappresentativo della comunita' internazionale possa un lanciare un importante segnale politico, di valore universale.
Nell’esprimere apprezzamento per l’ampia ed efficace azione diplomatica della Farnesina e della rete all’estero - ed in particolare per l'impegno profuso  dalla nostra Rappresentanza a New York - per acquisire i consensi del maggior numero di Paesi, e per la incisive iniziative ad ampio raggio condotte dai Vice-Ministri e dai Sottosegretari, il Ministro D’Alema ha tenuto a ricordare il ruolo fondamentale svolto dalla società civile italiana, che ha ispirato e sostenuto questa campagna, contribuendo a mantenere elevata, in questi mesi, l’attenzione internazionale sulla questione della pena di morte e di una moratoria universale delle esecuzioni.

Luogo:

Roma

7476
 Valuta questo sito