Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio Comunicato

Data:

06/02/2008


Dettaglio Comunicato

Il Vicepresidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri Massimo D’Alema ha ricevuto oggi alla Farnesina, assieme al Sottosegretario Di Santo, la Signora Yolanda Pulecio, madre di Ingrid Betancourt.

Certo di farsi “interprete del sentimento unanime dell’ opinione pubblica italiana”, il Ministro D’Alema ha espresso alla Signora Pulecio la viva solidarietà sua personale e del Governo italiano per la drammatica vicenda, auspicando che le ragioni umanitarie prevalgano ed Ingrid Betancourt venga presto restituita all’ affetto dei suoi cari.

Nel corso del colloquio, D’Alema si è detto molto preoccupato per la sorte di tutte le numerose persone che si trovano tuttora sotto sequestro in Colombia.

D’Alema ha assicurato alla Signora Pulecio che l’ Italia, in stretto raccordo con i partner europei  -  anche in vista del Vertice UE-America Latina previsto per il mese di maggio a Lima  -  non farà mancare il suo attivo contributo allo sforzo corale che la comunità internazionale è chiamata a compiere per promuovere una soluzione non violenta al dramma dei sequestri in Colombia e per facilitare la ripresa di un processo di pace fondato sulla salvaguardia dei diritti umani e civili di tutte le componenti della società colombiana.

Il Ministro D’Alema ha in particolare ribadito che l’ Italia continuerà ad incoraggiare il Governo amico di Bogotà ad intraprendere ogni ulteriore sforzo nella direzione della riconciliazione nazionale e dello sviluppo integrale di tutte le regioni della Colombia, anche per poter esercitare piena sovranità su tutto il territorio del Paese in un contesto di pace, stabilità e sviluppo.

“E’ al contempo nelle nostre attese  -  ha sottolineato D’Alema  -  che tutte le formazioni armate compiano passi avanti risolutivi nella rinuncia alla violenza e nel disarmo, condizione necessaria affinché si possa procedere verso una soluzione politica duratura”.


Luogo:

Roma

7657
 Valuta questo sito