Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

10/03/2008


Dettaglio comunicato

Si è tenuto oggi presso la sede della Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale di Roma il Seminario, organizzato dalla Direzione Generale Asia-Oceania del Ministero degli Esteri in collaborazione con LIMES–Rivista Italiana di Geopolitica, sul tema: “Il Pakistan al bivio: tra democrazia, sicurezza ed equilibri regionali”.

Nel suo intervento introduttivo, il Direttore Generale Asia-Oceania della  Farnesina, Massimo Iannucci, ha ricordato come il Pakistan si stia sempre più rivelando come un paese di cruciale importanza, non solo per la stabilità dell’Afghanistan, ma, più in generale, dell’intera Asia Meridionale e Centrale. Ripercorrendo i drammatici sviluppi degli ultimi mesi, Iannucci si è in particolare soffermato sui motivi ispiratori della politica italiana e della UE nei confronti del Pakistan e sull’importanza di incoraggiare il cammino di riforme intrapreso dal Paese negli ultimi anni, nonché di impegnare Islamabad sui temi della democratizzazione, del contrasto al terrorismo e della proliferazione nucleare. 

I successivi interventi hanno consentito di approfondire sia l’esito delle recenti elezioni che più, in generale, la situazione nel paese, anche alla luce dei delicati equilibri interni e del contesto di sicurezza regionale. La correlazione esistente tra la situazione in Pakistan e gli sforzi di stabilizzazione in corso nel vicino Afghanistan, i rapporti tra Pakistan ed USA, il tema della lotta al terrorismo, e lo status di paese detentore di armi nucleari sono stati al centro delle analisi svolte dai vari relatori, secondo un filo conduttore che ha, tra l’altro, posto in evidenza la necessità di inquadrare lo scenario pakistano alla luce della sua complessità storica e culturale, evitando in tal modo di pervenire a semplificazioni e generalizzazioni, che non aiuterebbero alla comprensione dei concreti interessi in gioco, per il Pakistan ma anche per l’intera comunità internazionale.


Luogo:

Roma

7774
 Valuta questo sito