Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

20/06/2008


Dettaglio comunicato

L’attenzione internazionale sulla Crisi Alimentare resta alta anche dopo la Conferenza FAO sulla sicurezza alimentare tenutasi a Roma il 3-5 giugno scorsi.
La settimana prossima, in Giappone, i Rappresentanti Personali dei Capi di Stato e di Governo (Sherpa) dei Paesi G8, si riuniranno in vista del Vertice di Hokkaido-Toyako di luglio per discutere, fra i vari dossier, anche dei problemi agroalimentari e dei rimedi da adottare.

L’Italia, che già durante la Conferenza FAO ha lanciato, su iniziativa del Ministro Frattini, l’idea di una nuova intesa internazionale per promuovere scorte alimentari strategiche, ha previsto un programma di interventi a favore della sicurezza alimentare, della lotta alla povertà e dello sviluppo agricolo.
Un primo contributo italiano di 30 milioni si è reso immediatamente disponibile per progetti di emergenza e programmi di sviluppo agricolo.
In Giappone, l’Italia annuncerà i propri piani per il 2008, che prevedono il raddoppio degli aiuti umanitari da 60 a 130 milioni di euro, una cifra destinata quasi interamente all’aiuto alimentare. A questi si aggiungono i quasi 60 milioni di aiuti bilaterali a sostegno dei programmi di sviluppo rurale nei paesi più poveri. Inoltre, quasi 200 milioni dei 3 miliardi di euro che l’Italia verserà nei prossimi sei anni al Fondo di Sviluppo dell’Unione Europea, saranno rivolti alla realizzazione di progetti agricoli, complementari a quelli che il nostro Paese finanzia attraverso la FAO e l’IFAD.

Questo tema resterà al centro della presidenza italiana del G8 nel 2009. Forte della sua  tradizione nel campo agro-alimentare, l’Italia promuoverà una riflessione sull’architettura agricola internazionale che riunisca a Roma, sede del polo agro-alimentare delle Nazioni Unite (FAO, IFAD e PAM), tutti i Paesi, le Agenzie specializzate, i privati e la società civile, con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di un’agricoltura sostenibile, in grado di rispondere, nel rispetto dell’ambiente e della biodiversità, ai bisogni delle generazioni odierne e future.


Luogo:

Roma

7992
 Valuta questo sito