Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

03/04/2009


Dettaglio comunicato

Si è conclusa con la tappa in Kirghizistan la visita del Sottosegretario Mantica in Asia centrale che lo ha condotto nei giorni scorsi anche in Turkmenistan, Uzbekistan e Tagikistan. A completamento del periplo della regione, importante anche in ottica Afghanistan, il 5 maggio prossimo il Sen. Mantica si recherà in missione in Kazakistan.

Sul versante governativo, il Senatore Mantica ha avuto una fitta serie di incontri ad iniziare col Primo Ministro Chudinov ed il Vice Ministro degli Esteri Kalambecova oltre che col Ministro della Cultura e Turismo Raev. Mantica ha anche incontrato il Vice Presidente del Parlamento Kenesh e la piccola collettività italiana.

La missione in Kirghizistan era iniziata con un incontro di lavoro con rappresentanti della comunità diplomatica e delle Organizzazioni Internazionali, che ha consentito al Sottosegretario un approfondimento sulla situazione del Paese, anche in vista delle elezioni presidenziali del luglio prossimo, con particolare riferimento all’attività di OSCE ed ONU ed alla strategia UE per il centro-Asia. Nel corso dell’incontro sono stati passati in rassegna anche temi quali la penetrazione religiosa straniera di carattere radicale nonché la presenza militare a Manas di paesi membri della coalizione operante in Afghanistan.

Vivi ringraziamenti della Croce Rossa del Kirghizistan sono stati espressi al Governo Italiano, durante la conferenza stampa congiunta al Ministero degli Esteri, per l’aiuto fornito in occasione del terremoto di fine 2008.

“Il 25 maggio prossimo – ha dichiarato il Sottosegretario – avrà luogo ad Ancona, organizzata dalla Camera di Commercio italo-kirghiza, una presentazione del paese e delle opportunità d’investimento. Penso sia un’utile occasione per i nostri operatori di conoscere le opportunità offerte del mercato del Kirghizistan. C’è una forte richiesta di design e tecnologia italiana, nonché di turismo e più intensi rapporti commerciali sulla base delle agevolazioni offerte in loco. Per quanto riguarda la strategia dell’Unione Europea per il centro-Asia, adottata nel 2007, devo osservare che sia a Bishkek, che in altre capitali da me visitate, ho ricevuto insistenti richieste affinché dalle parole si passi ai fatti tenendo conto, in modo equilibrato, dei progetti sottoposti al vaglio di Bruxelles”.


Luogo:

Roma

8871
 Valuta questo sito