Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

21/05/2009


Dettaglio comunicato

Domani, il Sottosegretario Alfredo Mantica, Presidente della Commissione Nazionale per la Promozione della Cultura Italiana all’Estero del Ministero per gli Affari Esteri,  conferirà a Roberto Bolle la medaglia d’oro per la promozione della cultura italiana all’estero.

La cerimonia avrà luogo alle ore 19.00 nella sede dell’Accademia della Crusca di Firenze, la Villa Medicea di Castello, a margine del Convegno “La piazza delle lingue : esperienze di multilinguismo in atto”.

Istituita nel 2003,  la medaglia d’oro vuole essere un riconoscimento annuale per le  personalità che si sono particolarmente distinte nel diffondere l’italianità nel mondo. In passato è stata assegnata a Papa Giovanni Paolo II, Ennio Morricone, Giorgio Vittadini, Franco Zeffirelli e, dopo una pausa nel 2006-2007, Giorgio Albertazzi.

 “Cerchiamo ogni anno di premiare  - sottolinea il Sottosegretario Mantica - una personalità dell’eccellenza culturale italiana nel mondo. Dopo un grande attore come Albertazzi, la scelta è caduta su un altro artista capace di trasmettere forti emozioni, l’étoile della danza internazionale Roberto Bolle. Nonostante la sua giovane età, si è già distinto in tutto il mondo per la sua capacità interpretativa, oltre che per l’abilità comunicativa della sua danza. Tra le sue innumerevoli attività, tutti ricorderanno quella del febbraio 2006, in cui Bolle ha danzato alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici Invernali di Torino, interpretando una coreografia appositamente creata per lui. Mi fa anche particolare piacere ricordare che dal 1999 Bolle è “Ambasciatore di buona volontà” per l’UNICEF, partecipando a tutta una serie di iniziative, fra cui l’importante viaggio dell’estate 2006 nel Sud del Sudan, contributo per mantenere viva l’attenzione mondiale sulla tragica situazione in cui versano le popolazioni del luogo”.


Luogo:

Roma

9067
 Valuta questo sito