Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

15/06/2009


Dettaglio comunicato

Il Sottosegretario agli Esteri Alfredo Mantica, presenzierà oggi e domani 16 giugno ad Ancona all’inaugurazione della Presidenza Italiana della Iniziativa Adriatico-Ionica (IAI), di cui l’Italia ha assunto lo scorso 1 giugno la presidenza. 

L’Iniziativa Adriatico Ionica dovrebbe essere riconosciuta come strumento per rafforzare il coinvolgimento di Regioni, Enti Locali, Camere di Commercio, network universitari e scientifici nella cooperazione regionale, valorizzando la cooperazione decentrata che in questi anni ha assunto un peso crescente. Nell’ambito di tale cornice, questa sera avrà luogo un pranzo, offerto dal Presidente della Regione Marche Spacca, con i rappresentanti delle Regioni adriatico-ioniche, nella prospettiva di un loro maggior coinvolgimento nelle iniziative della Presidenza italiana.

L’anno di Presidenza italiana cade a dieci anni dalla nascita dell’Iniziativa Adriatico-Ionica ad Ancona nel maggio 2000. Assieme all’obiettivo di contribuire alle politiche comunitarie rivolte ad un progressivo inserimento dei Paesi dell’area nello spazio europeo, rimane di interesse prioritario per l’Italia ricercare di sviluppare una strategia di largo respiro che attribuisca al bacino adriatico-ionico un ruolo crescente valorizzando i legami storici, economici e culturali tra i Paesi membri.

L’Italia intende svolgere nel suo periodo di presidenza di turno un ruolo di catalizzatore in relazione anche all’Unione Europea, stimolando da parte della Commissione di Bruxelles una maggiore attenzione alle tematiche adriatico-ioniche ed esplorando possibilità di co-finanziamento a progetti di interesse regionale su fondi comunitari.

La Presidenza italiana vuole intraprendere un’azione rivolta a valorizzare l’appartenenza del bacino adriatico-ionico alla dimensione mediterranea, come sarebbe auspicabile dal momento che tutti i Paesi IAI, ad esclusione della Serbia, fanno già parte dell’Unione per il Mediterraneo (UPM) oltre a focalizzare l’attività delle Tavole Rotonde in aree come ambiente, turismo, cultura, cooperazione interuniversitaria, trasporti, piccole e medie imprese e distretti industriali.


Luogo:

Roma

9189
 Valuta questo sito