Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

02/07/2009


Dettaglio comunicato
Nel giorno del conferimento della cittadinanza onoraria della città di Roma al caporale israeliano Gilad Shalit, il Ministro degli Esteri Frattini ha incontrato Noam Shalit, il padre del ragazzo, giunto a Roma per ricevere il tributo dal Sindaco. Erano presenti all'incontro anche l'On. Fiamma Nirenstein, Vicepresidente della Commissione Esteri della Camera, Riccardo Pacifici, Presidente della Comunità ebraica di Roma e Joanna Arbib, Presidente mondiale del Consiglio di amministarzione del Keren Hayesod.
Gilad Shalit è stato rapito il 25 giugno 2006 mentre pattugliava il confine con la Striscia di Gaza in territorio israeliano; da oltre tre anni è ostaggio nelle mani di Hamas e non si sono mai avute notizie ufficiali circa il luogo della sua detenzione, né sul suo stato di salute, fisica o psichica.
Il Ministro ha affermato che la richiesta di liberazione immediata di Gilad Shalit è una questione cruciale perché riguarda il tema universale del rispetto dei diritti umani e della libertà dell'individuo. Per questo tornerà a fare pressioni in questo senso anche in sede europea.
I partecipanti all'incontro hanno manifestato al Ministro Frattini l’auspicio che Hamas possa dimostrarsi più flessibile riguardo alla richiesta di rilascio, in cambio del soldato, di prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane, scendendo a un compromesso sul numero di prigionieri condannati per crimini gravissimi e che Israele è riluttante a liberare.
Inoltre, durante l'incontro si è espresso l'auspicio che Israele dia segno di buona volontà nell'alleviare le difficoltà della popolazione di Gaza. In questo senso, è stata anche ribadita la fiducia nella mediazione del capo dell'intelligence egiziana Omar Suleiman, che sta lavorando a un prossimo incontro di riconciliazione tra Hamas e Fatah. Tali tentativi sono fondamentali per creare un clima di maggiore fiducia, che possa porre le premesse anche per ottenere  l'immediato rilascio di Shalit e, in generale, il raggiungimento di una soluzione pacifica in Medio Oriente.

Luogo:

Roma

9257
 Valuta questo sito