Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

03/07/2009


Dettaglio comunicato

Il Ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha ricevuto oggi alla Farnesina una delegazione del mondo ecclesiastico e delle Organizzazioni Non Governative cattoliche. La delegazione, guidata dall’Ing. Marelli - Segretario Generale della FOCSIV – era composta anche da alcuni alti prelati provenienti dai Paesi in via di Sviluppo, da rappresentanti dell’Azione cattoliche, delle ACLI, dei Focolari e della Coldiretti.

L’ incontro ha consentito un’utile presa di contatto nella prospettiva dell’ imminente Vertice dell’ Aquila. Nell’ occasione, la delegazione ha consegnato al Ministro Frattini un appello, “Per un’agenda di speranza”, con il quale intende richiamare alla sensibilità del Governo che ospita il G8 la necessità di proseguire negli sforzi per alleviare la povertà nei Paesi in via di sviluppo.

I delegati hanno ribadito la necessità di mantenere gli impegni assunti nel corso dei precedenti Vertici G8, ricordandone i più significativi: lo sviluppo del continente africano; l’urgenza di concludere un accordo post-Kyoto che preveda la riduzione dei gas serra; l’opportunità di completare la cancellazione del debito dei Paesi più poveri; la necessità di rafforzare i meccanismi multilaterali esistenti nel sistema Nazioni Unite e di individuare una soluzione alla crisi alimentare mondiale, in uno spirito di sostenibilità e di equa distribuzione delle risorse.

Il Ministro Frattini, ricordando l’impatto dell’attuale crisi finanziaria internazionale sui volumi dell’aiuto pubblico allo sviluppo, ha assicurato che l’Italia rispetterà gli impegni assunti. Il Ministro ha allo stesso tempo evidenziato che i contenuti nell’appello appaiono in linea con l’approccio adottato dalla Presidenza italiana, sia nell’ambito della Ministeriale Sviluppo, che nel formato allargato adottato per il Vertice de L’Aquila.

Frattini si è soffermato sulle caratteristiche fondamentali del nuovo approccio allo sviluppo della Cooperazione italiana, quali la centralità della persona umana, l’idea dell’aiuto pubblico come investimento di lungo periodo, e soprattutto l’importanza di assicurare la qualità degli aiuti in settori vitali come la salute, la sicurezza alimentare, l’acqua e l’educazione.

Frattini ha anche evocato la possibilità di ridurre le trattenute sulle rimesse internazionali dei migranti, iniziativa questa che – negli auspici del Ministro – dovrebbe dimezzare gli attuali costi di commissione applicati sui trasferimenti internazionali destinati ai Paesi in via di sviluppo.

Il Ministro Frattini ha infine annunciato che l’Italia si farà promotrice, attraverso il polo romano FAO, IFAD e PAM, della settimana alimentare mondiale, che si terrà ad ottobre.


Luogo:

Roma

9264
 Valuta questo sito