Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

11/04/2010


Dettaglio comunicato
In riferimento alla notizia diffusa da Associated Press di arresto di alcuni medici italiani in Afghanistan, il Ministro Frattini sta seguendo gli sviluppi della vicenda in stretto raccordo con l'ambasciata d'Italia a Kabul e con le autorità locali.
In attesa di poter conoscere la dinamica dell'episodio e le motivazioni dei fermi, il governo italiano ribadisce la linea di assoluto rigore contro qualsiasi attività di sostegno, diretto o indiretto al terrorismo sia in Afghanistan sia altrove.
Dagli ultimi accertamenti esperiti in stretto raccordo con l'ambasciata d'Italia a Kabul e le autorità locali è emerso che i medici italiani in stato di fermo lavoravano in una struttura umanitaria non riconducibile - né direttamente né indirettamente - alle attività finanziate dalla cooperazione italiana.
La Farnesina riconferma il suo più alto riconoscimento al personale civile e militare impegnato in Afghanistan in attività di pace.


Luogo:

Roma

10236
 Valuta questo sito