Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

12/04/2010


Dettaglio comunicato

Nuovi interventi a favore delle piccole e medie imprese, dell'agricoltura e delle politiche sociali per un totale di 51 milioni di euro. E' l'impegno italiano per la cooperazione allo sviluppo dell'Albania sancito dal nuovo Protocollo triennale 2010-2012, firmato a Tirana dal Ministro Franco Frattini e dal Primo Ministro albanese Sali Berisha. Un impegno per il quale il premier albanese ha espresso "gratitudine" all'Italia e che ha giudicato "preziosissimo" per il suo Paese. Frattini ha ricordato i rapporti di amicizia tra i due Paesi, sottolineando anche la grande "integrazione" della comunità albanese in Italia e ricordando che ci sono 20 mila studenti albanesi iscritti nelle università italiane.

Il nuovo Protocollo prevede 28 milioni in crediti di aiuto, tre milioni a dono e 20 milioni sotto forma di conversione del debito. Tra gli interventi qualificanti del nuovo pacchetto, una linea di credito per le piccole e medie imprese da 15 milioni di euro, un programma per la modernizzazione del settore agricolo da dieci milioni di euro e un programma a sostegno delle politiche sociali da 20 milioni di euro.

L'impegno italiano in Albania è a livelli di eccellenza: oltre 78 progetti in corso, circa 335 milioni di euro di impegno, primo donatore bilaterale, secondo donatore in assoluto dietro solo l'Unione Europea. A Tirana è presente, tra l'altro, una delle più grandi Unità tecniche locali che l'Italia abbia all'estero.

Un altro settore su cui può esserci "proficua collaborazione" è quello delle energie rinnovabili e pulite, ha spiegato Frattini, ricordando che "il piano europeo prevede un innalzamento fino al 20% delle energie rinnovabili e incoraggia gli Stati membri ad investimenti in Paesi vicini del bacino del Mediterraneo, come è appunto l'Albania".

Per quanto riguarda la liberalizzazione dei visti, Frattini ha confermato, al termine di un colloquio con il suo omologo Meta, che l’obiettivo è "ottenere una proposta positiva della Commissione europea prima della fine di maggio". La seconda tappa di questo processo sarà "l'annuncio della liberalizzazione per l'Albania e la Bosnia al vertice di Sarajevo che si terrà il 2 giugno". Frattini ha aggiunto che il "Consiglio dei Ministri degli Esteri potrà decidere prima delle vacanze estive, perché i cittadini albanesi possano compiere il primo viaggio senza visti prima dell'autunno".

Infine, Frattini ha annunciato che l’Italia sta esaminando con "spirito favorevole" la possibilità di "garantire la rappresentanza diplomatica e consolare nei Paesi dove l'Albania non è rappresentata".


Luogo:

roma

10243
 Valuta questo sito