Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

10/08/2010


Dettaglio comunicato

L’autorità pakistana responsabile per la protezione civile ( “National Disaster Management Authority” ), il Ministro degli Esteri Qureishi e la Ministra di Stato per l’Economia Rabbani Khar hanno espresso al governo e alla Cooperazione italiana vivissima gratitudine per la tempestività con cui sono stati offerti e consegnati gli aiuti. I beni di prima necessità pari a 30 tonnellate per un valore di circa 200 mila Euro vengono distribuiti in questi giorni nei distretti di Muzaffargarh e Multan gravemente colpiti dalle alluvioni nel sud del Punjab.

Un ulteriore contributo di di 400 mila Euro sara’ utilizzato dalla Federazione Internazionale della Croce Rossa per sostenere la Mezza Luna Rossa pakistana impegnata in interventi umanitari con beni di prima necessità per circa 25 mila famiglie .

Su istruzioni del Ministro Frattini, l’Ambasciatore Prati e il personale dell’Ambasciata italiana a Islamabad partecipano quotidianamente a riunioni di coordinamento convocate dal governo pakistano per fare il punto sulla crisi e concordare strategie di intervento. In questo contesto è in corso un’ analisi dettagliata delle iniziative italiane di sviluppo rurale e formazione per le aree di frontiera finanziate dalla Cooperazione italiana con crediti di aiuto rispettivamente di 40 e 20 Milioni di Euro. Alcuni tra i progetti finanziati nell’ambito della conversione del debito saranno attuati in zone colpite dalle alluvioni. In particolare, un progetto di 6 milioni di Euro di “early recovery” dell’agricoltura nella zona di Malakand - già interessate da intervento militare governativo contro gruppi talebani ed ora colpita gravemente dalla calamità naturale - verrà ri-orientato secondo le priorità attuali. Anche il contributo italiano di 4 milioni di Euro per il “Trust Fund- Multi Donatori” finalizzato originariamente alle aree di frontiera verrà canalizzato verso attività di emergenza e ricostruzione.


Luogo:

Roma

10650
 Valuta questo sito