Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

14/08/2010


Dettaglio comunicato

Si rende noto, a seguito del gradimento del Governo interessato, la seguente nomina recentemente deliberata dal Consiglio dei Ministri:

Carlo TRIPEPI

Ambasciatore d’Italia a Copenaghen

Nato a Roma nel 1948, dopo la laurea in giurisprudenza ottenuta nel 1970 all’Università di Napoli, nel 1972 entra in carriera diplomatica, presso il Cerimoniale Diplomatico. Il primo incarico all’estero è nel 1974 a Tananarive, dove si occupa di relazioni commerciali; segue, dal giugno del 1978, la tappa ad Algeri con funzioni di primo Segretario, prima dell’assegnazione come Console a Mulhouse nel novembre del 1980.

Rientrato al Ministero nel 1983, presta servizio presso la Direzione Generale Affari Economici. Nel 1985 è alle dirette dipendenze del Direttore Generale degli Affari Economici. Parte per Parigi nel 1987, in qualità di Consigliere alla Rappresentanza permanente dell’Italia presso l’OCSE, per trasferirsi poi ad Ottawa nel 1992 come Primo Consigliere per l’emigrazione e gli affari sociali.

Di rientro a Roma, nel 1995, è Vice Responsabile dell’UAMA della Direzione Generale Affari Economici e alle dirette dipendenze del Direttore Generale degli Affari Economici dal febbraio del 1998.

Nel 1999 si trasferisce presso l’Ambasciata d’Italia a Parigi come Primo Consigliere. Promosso Ministro Plenipotenziario nel giugno del 2000, viene confermato nello stesso ruolo con funzioni di Ministro Consigliere.

Rientrato al Ministero nel gennaio 2004, riceve l’onorificenza di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica e presta servizio alle dirette dipendenze del Direttore Generale per la Cooperazione Economica e Finanziaria Multilaterale e Coordinatore Non Proliferazione. Dal novembre del 2004 è Responsabile dell’UAMA, e diventa nel 2010 Coordinatore per l’armonizzazione dei controlli all’esportazione dei beni sensibili.


Luogo:

Roma

10660
 Valuta questo sito