Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

13/10/2010


Dettaglio comunicato

“Ci troviamo ancora una volta di fronte ad episodi atroci, che apprendiamo con costernazione e che suscitano sentimenti di orrore indicibile”. Sono le parole con le quali il capo della diplomazia italiana, Franco Frattini, ha commentato le denunce dell’ Agenzia Fides relative a stupri di bambine cristiane avvenuti in Pakistan nelle scorse settimane.

“E’ drammaticamente evidente - prosegue il Ministro Frattini – che non si deve abbassare la guardia di fronte alle discriminazioni religiose ed alla loro sequela di terribili violenze. Non si può tollerare l’ intolleranza. Non ci si può esimere dal difendere il fondamentale diritto della persona umana alla libertà di culto”.

“L’ Italia è in prima linea nell’ impegno della comunità internazionale a favore del Pakistan, con il cui Governo intratteniamo relazioni eccellenti. Mi recherò a Islamabad l’ 11 di novembre - annuncia Frattini - e in quell’occasione incontrerò anche le minoranze religiose cristiane in quel Paese ed il Ministro per la tutela delle minoranze Bhatti, che ho visto a Roma qualche settimana fa, ed al quale tornerò ad esprimere l’ apprezzamento per gli importanti sforzi sin qui compiuti dal Governo pakistano ed anche la forte sensibilità del Governo italiano sul tema dell’intolleranza religiosa ai danni della comunità cristiana”.


Luogo:

Roma

10839
 Valuta questo sito