Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

31/12/2010


Dettaglio comunicato

Il Ministro degli Esteri Franco Frattini e la Farnesina esprimono il più vivo sconcerto e la profonda delusione per una decisione - quella annunciata oggi a Brasilia - insolita rispetto alla stessa prassi istituzionale brasiliana, che contraddice i principi fondamentali del diritto e offende i familiari e la memoria delle vittime dei gravissimi atti di violenza commessi da Cesare Battisti. Tanto più incomprensibili ed inaccettabili agli occhi del governo italiano e di tutti gli italiani appaiono le modalità dell’ annuncio e il riferimento, nelle motivazioni della decisione, al presunto aggravamento della situazione personale di Battisti.

Il Governo italiano intende pertanto utilizzare immediatamente tutti i possibili margini offerti dall’ordinamento giuridico brasiliano per ottenere nei tempi più rapidi la sospensione della procedura di scarcerazione di Cesare Battisti e far sì che il Tribunale Supremo Brasiliano verifichi l’incompatibilità della decisione presidenziale con la sua stessa precedente sentenza del novembre 2009che aveva negato i presupposti per la concessione a Battisti dello status di rifugiato.

Il caso Battisti é stato in questi anni seguito in Italia da tutte le più alte cariche istituzionali,dalle forze politiche e parlamentari e dall'opinione pubblica, con unanime determinazione e piena unità di azione, mentre la diplomazia italiana, a tutti i livelli e con il più grande impegno e professionalità, si è attivata presso le istanze brasiliane per promuovere i legittimi interessi e le aspettative dello Stato italiano sulla vicenda.

E’ per questi motivi che il Ministro Frattini ha chiesto all'Ambasciatore italiano in Brasile, La Francesca, di recapitare al nuovo Presidente del Brasile, Dilma Rousseff, al momento stesso del suo insediamento, un messaggio in cui si fa stato della ferma determinazione del governo italiano ad esperire tutte le possibili vie legali per ottenere l'estradizione in Italia di Battisti, nonché il nostro forte auspicio affinché il nuovo Presidente possa rivedere la decisione del suo predecessore ed uniformarsi alla sentenza del Tribunale Supremo Brasiliano.

Il Ministro Frattini ha quindi deciso di richiamare a Roma l'ambasciatore la Francesca per consultazioni volte a definire il percorso dell'azione giudiziaria del governo italiano in difesa delle proprie legittime aspettative basate sul Trattato bilaterale di estradizione e sulla sentenza del Tribunale Supremo brasiliano.


Luogo:

Roma

11142
 Valuta questo sito