Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Dettaglio comunicato

Data:

10/10/2011


Dettaglio comunicato

In occasione della nona “Giornata mondiale” contro la pena di morte che ricorre oggi il Ministro Frattini conferma il forte impegno internazionale dell'Italia per una moratoria universale delle esecuzioni in vista dell’abolizione globale della pena capitale.

"Siamo fermamente convinti - ha dichiarato il Ministro Frattini - che l’abolizione della pena di morte costituisca un traguardo fondamentale per l’effettivo rafforzamento della dignità umana e per la progressiva affermazione dei diritti umani nel mondo e che la pena capitale non offra alcun valore aggiunto in termini di sicurezza dei cittadini o di dissuasione dal crimine. Inoltre, la pena di morte rende irreversibile ogni imperfezione o errore giudiziario".

Con un'intensa attività, che può contare su un ampio sostegno del Parlamento e della società civile, il nostro Paese ormai da anni ha fatto della lotta per l’abolizione della pena di morte una delle priorità della propria politica estera nel campo dei diritti umani. Una priorità condivisa non solo in ambito europeo ma anche da un'ampia alleanza composta di Paesi di tutte le aree del mondo.

‘’Rilevo con soddisfazione’’ – prosegue Frattini – ‘’ la tendenza verso l’abolizione della pena di morte nel mondo, testimoniata dal crescente numero di sostegni ottenuto dalle Risoluzioni ONU sulla moratoria nel 2007, 2008 e 2010 e sottolineata anche nei recenti rapporti del Segretario Generale sull'argomento.

“Rinnovo da parte mia l’appello affinché tutti gli Stati che ancora prevedono la pena capitale nella propria legislazione introducano immediatamente una moratoria delle esecuzioni, in vista di una completa abolizione della pena di morte”.


Luogo:

Roma

12346
 Valuta questo sito