Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Colloquio tra il Segretario Generale della Farnesina, Michele Valensise, e il Vice Ministro degli Esteri tedesco, Michael Georg Link

Data:

02/10/2012


Colloquio tra il Segretario Generale della Farnesina, Michele Valensise, e il Vice Ministro degli Esteri tedesco, Michael Georg Link

Il Segretario Generale del Ministero degli Esteri, Michele Valensise, ha ricevuto oggi alla Farnesina, su istruzioni del Ministro degli Esteri Giulio Terzi, il Vice Ministro degli Esteri tedesco, Michael Georg Link. Nell'incontro, è stata evocata la decisione della Procura di Stoccarda relativa all’archiviazione dell'inchiesta sull'eccidio di Sant'Anna di Stazzema. Al riguardo, Valensise ha rilevato come, “pur nel rispetto dell'indipendenza della magistratura tedesca”, non sia possibile “ignorare che tale decisione è per gli italiani, non solo per i sopravvissuti e i familiari delle vittime, motivo di profondo sconcerto e rinnovata sofferenza”. A essi – ha detto l’Ambasciatore Valensise -va la nostra vicinanza e solidarietà”.

Durante il colloquio, Valensise, richiamando l’ “esigenza che la ricostruzione di fatti e responsabilità non si limiti alle aule giudiziarie”, ha ricordato che “ i Governi di Italia e Germania hanno affidato nel 2008 ad una Commissione storica mista il compito di un approfondimento comune sul passato di guerra italo-tedesco: il nostro obiettivo è contribuire alla costruzione di una comune cultura della memoria: la memoria e la conoscenza delle tragedie del passato sono essenziali alla salvaguardia degli ideali di libertà, democrazia e solidarietà alla base della costruzione europea".

“L’Italia - ha concluso Valensise - intende dunque continuare a lavorare con la Germania per dare esecuzione alla sentenza della Corte Internazionale di Giustizia del 3 febbraio, soprattutto nella parte in cui essa, riferendosi alle istanze delle vittime delle stragi e degli ex-internati militari italiani, auspica il raggiungimento di una soluzione condivisa tra i due Paesi a compensazione delle vittime di quelle immani sofferenze”.


Luogo:

Roma

14224
 Valuta questo sito