Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Domani 64° anniversario dell'approvazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

Data:

09/12/2012


Domani 64° anniversario dell'approvazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

“La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani che domani festeggia il 64° anniversario rappresenta per l’Italia il punto di riferimento di un percorso su cui il nostro Paese si è da tempo incamminato e sul quale continuerà a procedere con rinnovato vigore e dedizione. L’Italia si unirà alle celebrazioni di questa importante ricorrenza, nel convincimento che il rispetto dei diritti umani e la loro promozione siano le condizioni per un mondo più giusto e più pacifico”. Così il Ministro degli Esteri Giulio Terzi commenta la celebrazione della Giornata internazionale dei Diritti Umani, che quest’anno è intitolata “My voice counts” ed è focalizzata sul diritto di ogni individuo – indipendentemente dalla sua origine, condizione, genere, status sociale – a partecipare alla vita pubblica. “Le grandi trasformazioni politiche in corso” ha aggiunto Terzi, “dimostrano che più forte di tutto è nell’uomo l’aspirazione alla libertà di espressione, e di poter far sentire la propria voce partecipando ai processi decisionali del proprio Paese e della propria società”.

Per il titolare della Farnesina la tutela e promozione dei diritti sanciti dalla Dichiarazione Universale sono “un valore assoluto e una priorità della nostra politica estera”, affermazione testimoniata dall’intensa azione dell’Italia nel campo della protezione dei diritti fondamentali, in particolare quelli donne, dei fanciulli, della libertà di religione e del contrasto alla pena capitale. “Grazie anche al nostro impegno” ha chiosato il Ministro degli Esteri, “la Terza Commissione dell’Assemblea Generale ha di recente approvato due risoluzioni in materia di libertà di religione e di dialogo interreligioso, per la prima volta è stato adottato un testo espressamente dedicato al contrasto alla pratica delle mutilazioni genitali femminili, mentre la risoluzione per una moratoria della pena di morte ha riscosso nuovi e rafforzati consensi”.

L’impegno concreto del Ministero degli Esteri è anche rivolto alla formazione ed allo studio degli strumenti di tutela e promozione dei diritti umani. In questo contesto si inserisce la conferenza internazionale sulla "Centralità della persona e la tutela dei diritti umani nel mondo contemporaneo", organizzata dal Comitato interministeriale per i diritti umani, operante presso il ministero degli Esteri, in collaborazione con il Volontariato Internazionale per lo Sviluppo (Vis) e il Comitato per la promozione e la protezione dei diritti umani e che si svolgerà proprio alla Farnesina il prossimo 12 dicembre. La conferenza conclude il terzo ciclo di incontri sul tema "La promozione dei diritti umani: dalla teoria alla pratica", cui hanno partecipato gli studenti delle facoltà di Scienze politiche, Giurisprudenza, Economia e Lettere dei diversi atenei romani, nonché della Società italiana per l'organizzazione internazionale (Sioi)

Luogo:

Roma

14567
 Valuta questo sito