Libertà di espressione:Bonino su visita del Relatore speciale Onu in Italia
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Libertà di espressione:Bonino su visita del Relatore speciale Onu in Italia

Data:

18/11/2013


Libertà di espressione:Bonino su visita del Relatore speciale Onu in Italia

Il Ministro degli Esteri Emma Bonino, nel ringraziare il Relatore Speciale delle Nazioni Unite per la libertà di espressione e di opinione Frank La Rue per l'attenzione dedicata all'Italia in occasione della Sua visita conclusasi oggi, ha tenuto a ricordare come "tutte le normative che disciplinano i diritti costituzionali, in particolare se riguardano la libertà di espressione, devono essere approvate dal Parlamento e che, specie laddove si ritiene di dover rimuovere materiale contenuto sul web sia necessario un intervento della Magistratura". Uno dei motivi di preoccupazione di osservatori nazionali e internazionali ha riguardato e riguarda il ruolo di Agcom nella predisposizione di sanzioni in materia di proprietà intellettuale.

"Ritengo", ha affermato il Ministro degli Esteri, "che si tratti di una prerogativa del Parlamento e auspico che quanto prima Camera e Senato arrivino a una normazione della delicata materia. Al momento opportuno il governo farà la sua parte".

Frank La Rue, nel corso della sua visita in Italia coordinata dal Comitato Interministeriale per i Diritti Umani, ha avuto un intenso programma di incontri nei quali ha affrontato i temi dell’accesso all’informazione nella pubblica amministrazione, della depenalizzazione del reato di diffamazione, del fenomeno dello hate speech, della trasparenza della proprietà dei media, dell’anti-trust, degli organi di garanzia e del servizio pubblico radio-televisivo. La pubblicazione del rapporto è prevista nel giugno del 2014.


Luogo:

Roma

16230
 Valuta questo sito