Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

MO, Terzi all’inviato USA: lavorare per ripresa negoziati diretti Israelo-Palestinesi necessaria azione più incisiva dell'Unione Europea

Data:

28/01/2013


MO, Terzi all’inviato USA: lavorare per ripresa negoziati diretti Israelo-Palestinesi necessaria azione più incisiva dell'Unione Europea

Il Ministro degli Esteri, Giulio Terzi, ha ricevuto oggi alla Farnesina David Hale, Inviato Speciale americano per la Pace in Medio Oriente.

Il titolare della Farnesina ha ribadito che l’Italia continuerà a sostenere “con forte convinzione” l’impegno statunitense per la ripresa dei negoziati diretti fra israeliani e palestinesi, “unica strada – ha sottolineato Terzi – per rilanciare il processo di pace e perseguire la soluzione dei due Stati, israeliano e palestinese, che vivano l’uno accanto all’altro in pace e sicurezza con tutti i paesi della regione”.

Auspicando una sempre più incisiva azione dell’Unione Europea per favorire il riavvio delle trattative fra le parti, il capo della diplomazia italiana ha affermato che, nel definire il futuro quadro negoziale, dovrà essere assicurata la massima tutela delle legittime esigenze di sicurezza di Israele, che costituiscono, ha evidenziato Terzi, “elemento fondamentale per il successo di ogni trattativa”. Allo stesso tempo, Terzi ha espresso a Hale “preoccupazione per alcune decisioni israeliane in materia di insediamenti, che possono complicare le prospettive negoziali”.

Terzi si è inoltre riferito con “forte apprensione” alla “difficile situazione finanziaria dell’Autorità Palestinese”, auspicando, al riguardo, un “forte impegno concertato degli Stati Uniti, dell’Unione Europea e dei Paesi membri della Lega Araba affinché vengano concretamente alleviate le condizioni di vita della popolazione palestinese”.

Il Ministro Terzi ha infine confermato l’impegno dell’Italia per facilitare un migliore controllo della situazione a Gaza, sottolineando l’importanza sia della riattivazione della missione doganale dell’Unione Europea (EUBAM) ai confini con la Striscia, ora a guida italiana, che dell’utilizzo di tutti gli strumenti internazionali finalizzati a contrastare il traffico di armi.


Luogo:

Roma

14750
 Valuta questo sito