Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il Ministro degli Esteri Emma Bonino ha ricevuto oggi alla Farnesina il Vice Primo Ministro iracheno Al Shawys

Data:

03/07/2013


Il Ministro degli Esteri Emma Bonino ha ricevuto oggi alla Farnesina il Vice Primo Ministro iracheno Al Shawys

Il Ministro degli Esteri Emma Bonino ha ricevuto oggi alla Farnesina il Vice Primo Ministro iracheno Al Shawys, alla guida di una qualificata delegazione ministeriale in visita in Italia con l’obbiettivo di incrementare gli scambi e gli investimenti, e di incoraggiare un contributo sempre maggiore delle piccole e medie imprese italiane al processo di diversificazione produttiva dell’economia irachena.

Durante il colloquio è stato ribadito il comune impegno ad intensificare i rapporti bilaterali, sulla scorta degli importanti risultati della Terza Commissione Mista Italia Irak svoltasi a Roma lo scorso anno nel quadro del Trattato di Amicizia, Partenariato e Cooperazione firmato nel 2009.

La titolare della Farnesina si è soffermata sulla solidità dei legami di amicizia fra Italia e Irak, ricordando in particolare l’apertura dei consolati italiani a Erbil e Bassora.

Nell’esprimere apprezzamento per la normalizzazione dei rapporti tra Kuwait e Irak, “sviluppo importante per la stabilizzazione regionale”, Emma Bonino si è congratulata con il Vice Primo Ministro Al Shawys per la scelta della Lega Araba di proclamare Baghdad “Capitale della Cultura del Mondo Arabo per il 2013”, evocando, al riguardo, l’alto profilo della cooperazione culturale fra i due Paesi, anzitutto nei settori accademico ed archeologico.

Illustrando al Ministro Bonino l’impegno del Governo iracheno nella lotta al terrorismo e nel perseguimento della “roadmap” politica che dovrebbe culminare con le elezioni politiche nel 2014, il Vice Primo Ministro Al Shawys ha rivolto al Ministro Bonino l’invito a recarsi a Baghdad in visita ufficiale, auspicando una maggiore presenza dell’imprenditoria italiana nel processo di ricostruzione dell’Irak.


Luogo:

Roma

15517
 Valuta questo sito