Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Colloquio del Ministro Bonino con il Ministro degli Affari Esteri di Cipro, Ioannis Kasoulides

Data:

24/07/2013


Colloquio del Ministro Bonino con il Ministro degli Affari Esteri di Cipro, Ioannis Kasoulides

I principali temi europei -fra cui i seguiti del Consiglio Europeo di giugno-, i rapporti bilaterali e la situazione in Siria sono stati al centro dei colloqui che il Ministro Bonino ha avuto oggi alla Farnesina con il suo collega cipriota Kasoulides.

Sulle tematiche europee i due Ministri hanno individuato come priorità la lotta alla disoccupazione, in particolare quella giovanile, e auspicato che gli strumenti di cui la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) si sta dotando diano un impulso significativo per rafforzare il finanziamento dell’economia reale. Hanno inoltre convenuto sull’opportunità di un maggiore coordinamento dei Paesi del sud Europa sulle tematiche mediterranee, fra i quali i flussi migratori ed i rapporti dell’UE con i Paesi della sponda sud.

In relazione all’allargamento dell’UE, la titolare della Farnesina si è detta soddisfatta per la nuova disponibilità di Cipro al dialogo con la Turchia, contribuendo così ad ancorarla al processo di integrazione.

Per quanto attiene ai rapporti bilaterali, i due Ministri hanno convenuto sull’eccellente livello della collaborazione fra Roma e Nicosia, osservando che questa potrebbe essere rafforzata in campo economico, in particolare nel settore dell’energia alla luce delle recenti scoperte di gas naturali nelle acque cipriote.

I Ministri Bonino e Kasoulides hanno infine discusso della crisi in Siria . Al centro del colloquio la crisi umanitaria in Siria e la necessità dell’adozione nei tempi più brevi da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di una Risoluzione che apra la via ad un consistente flusso di aiuti umanitari in Siria, Libano e Giordania per alleviare una situazione allarmante.


Luogo:

Roma

15622
 Valuta questo sito