Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Italia-Grecia 2014 - Sostegno due Presidenze Ue a dichiarazione tripartita su Ucraina

Data:

28/02/2014


Italia-Grecia 2014 - Sostegno due Presidenze Ue a dichiarazione tripartita su Ucraina

Il Ministro Federica Mogherini da' il massimo sostegno alla dichiarazione congiunta emessa oggi dai ministri degli esteri di Francia, Germania e Polonia sulla crisi ucraina. "Oggi c'e' stata la dichiarazione congiunta dei ministri degli esteri di Polonia, Germania e Francia - ha detto il Ministro in conferenza stampa con il collega greco Evangelos Venizelos - La sosteniamo con forza". Italia e Grecia sono i due paesi che detengono la Presidenza dell'Unione Europea nel 2014.

Promuovere dialogo e tutelare integrità nazionale

Sosteniamo la dichiarazione – ha precisato la titolare della Farnesina - "soprattutto quando parla della formazione di un governo di transizione e quando si riferisce alla necessita' di affrontare le sfide in modo inclusivo, coinvolgendo tutte le parti, senza eccezione. Siamo molto preoccupati per le tensioni e dobbiamo fare tutto il possibile per ridurle, promuovendo il dialogo pacifico. Ribadiamo l'importanza di tutelare sovranita' e integrita' nazionale. Serve un'azione europea che sostenga il dialogo tra tutte le parti, inclusa la Russia".

Smembramento territoriale scenario peggiore

Il Ministro ha aggiunto che “lo smembramento territoriale dell'Ucraina sarebbe lo scenario peggiore, che cerchiamo di evitare. Non c'è alternativa al dialogo inclusivo, è l'unica strada, e posso dire che dai colloqui che ho avuto in questi giorni con colleghi Usa, Ue e Russia, tutti la pensano così”.

Nota congiunta Polonia-Germania-Francia

In una nota congiunta, i ministri degli Esteri francese, Laurent Fabius, tedesco, Frank-Walter Steinmeyer, e polacco, Radoslaw Sikorski, si erano detti "molto preoccupati per la situazione instabile in Crimea”, sottolineando che “bisogna fare tutto il possibile per ridurre la tensione nella regione e promuovere discussioni pacifiche tra le parti in causa". "Riaffermiamo il nostro sostegno alla sovranità e all'integrità territoriale del Paese", avevano aggiunto i tre, che la scorsa settimana si erano recati a Kiev per tentare una mediazione.

Coordinamento con Atene per superare 'austerity'

Nel secondo semestre del 2014 l'Italia assumerà la Presidenza di turno dell'Ue subito dopo la Grecia ed e' quindi fondamentale coordinare le politiche dei due paesi mediterranei per "superare questo momento di 'austerity' e concentrarsi sulla crescita e gli investimenti", ha affermato il Ministro durante la conferenza stampa. "Durante la nostra Presidenza vogliamo suggerire non una revisione dei parametri stabiliti anni fa, ma vogliamo dire a tutti i paesi Ue di essere piu' flessibili nell'interpretazione di tali parametri".

"Italia e Grecia non 'Sud Europa', siamo europei e basta"

Le prossime elezioni europee hanno una grande importanza, che forse ancora non e' stata compresa in Italia, perche' "il voto dei cittadini cambiera' le politiche dell'Ue": ha detto il Ministro degli esteri. "Da loro - ha osservato - dipende la maggioranza che ci sara' al Parlamento europeo. Spero che si riesca a capire presto la differenza che puo' fare questo voto". Per Mogherini, uno dei cambiamenti dev'essere la fine della definizione di Paesi come Italia e Grecia come "Paesi del sud Europa. Basta con le definizioni geografiche. Siamo Paesi europei e basta. Anche su questo la parola e' agli elettori".


Luogo:

Roma

18120
 Valuta questo sito