Libia: Mogherini, iniziativa immediata Onu, Comunità internazionale non giri lo sguardo. Italia continuerà ruolo di primo piano
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Libia: Mogherini, iniziativa immediata Onu, Comunità internazionale non giri lo sguardo. Italia continuerà ruolo di primo piano

Data:

13/07/2014


Libia: Mogherini, iniziativa immediata Onu, Comunità internazionale non giri lo sguardo. Italia continuerà ruolo di primo piano

L'Italia è decisa ad aiutare la Libia a uscire da una fase di transizione di cui ancora si vedono tutte le fragilità e i pericoli, ma è dalle Nazioni Unite che deve arrivare un'iniziativa forte che coinvolga tutta la comunità internazionale. A chiederlo è il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, dopo le ultime allarmanti notizie di nuovi scontri armati a Tripoli. "L'Italia è determinata a continuare a giocare un ruolo di primo piano per assistere la Libia nella sua difficile transizione verso istituzioni inclusive e democratiche", ha detto.

"Tuttavia, affinché il sostegno dell'Italia e della comunità internazionale abbiano successo, e' necessario che le parti accettino le regole del confronto democratico, ed escano una volta per tutte dalla logica delle armi e della violenza, che favoriscono solo il caos e penalizzano in primo luogo il popolo libico. Il futuro della Libia potrà essere deciso solo dai libici con un dialogo politico che coinvolga tutti". "Le elezioni dell'Assemblea Costituzionale e del Consiglio dei Rappresentanti sono una base importante su cui contiamo si possa costruire", ha sottolineato.

"Contiamo anche sull'iniziativa delle Nazioni Unite, insieme con l'impegno dell'Italia e degli Stati che più hanno a cuore le vicende libiche, per un'azione politica internazionale immediata di impulso e sostegno alla pacificazione e alla ricostruzione del Paese. Troppe volte si è girato lo sguardo davanti a queste crisi e non si è accompagnato adeguatamente il processo di transizione dopo la fine dei regimi, e ne paghiamo ancora il prezzo".


Luogo:

Roma

18976
 Valuta questo sito