Il ministro Alfano riceve i membri dell'Osservatorio sulle minoranze religiose
Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Il ministro Alfano riceve i membri dell'Osservatorio sulle minoranze religiose

Data:

27/07/2017


Il ministro Alfano riceve i membri dell'Osservatorio sulle minoranze religiose

Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Angelino Alfano, ha ricevuto oggi alla Farnesina i membri dell'Osservatorio sulle minoranze religiose nel mondo e sul rispetto della libertà religiosa.

“La tutela e la promozione della libertà di religione e dei diritti degli appartenenti alle minoranze etniche e religiose rappresentano una priorità della nostra politica estera ed è per questo che ho fortemente voluto l’istituzione dell’Osservatorio” ha ricordato il ministro Alfano ai membri del nuovo organo lanciato in occasione della Conferenza internazionale “La tutela delle comunità religiose: investire sui giovani quali protagonisti di una nuova stagione di incontro, dialogo e convivenza pacifica tra i popoli” promossa dalla Farnesina il 13 luglio scorso.

“L’attività dell’Osservatorio, che vede schierati autorevoli rappresentanti del mondo accademico e della società civile, dovrà ispirarsi al principio di inclusività. Mi piace vedere questo nuovo organo come un catalizzatore di possibili sinergie fra tutti gli attori, associazioni e organizzazioni non governative, che quotidianamente, con impegno e dedizione lavorano su questi temi” ha aggiunto Alfano

Nel formulare i migliori auguri di buon lavoro all’Osservatorio, il ministro ha ricordato l’auspicio che le sue attività siano orientate verso i giovani. “Sono loro che devono essere gli interlocutori privilegiati della nostra azione politica e culturale a tutela delle comunità religiose e della libertà di religione.  È necessario impegnarci per sensibilizzare le nuove generazioni a questi temi e per promuovere l'educazione ai diritti umani” ha concluso il ministro.


25253
 Valuta questo sito