Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Sottosegretario Di Stefano al Kiev International Economic Forum

Data:

08/11/2019


Sottosegretario Di Stefano al Kiev International Economic Forum

Il Sottosegretario agli Esteri, On. Manlio Di Stefano, oggi è intervenuto al Kiev International Economic Forum ed ha avuto colloqui con il Vice Primo Ministro Kuleba, il Ministro dell’Economia Milovanov ed il Vice Ministro degli Esteri Bodnar. Il Sottosegretario ha anche incontrato la comunità imprenditoriale italiana.

Al centro della visita, l’impegno comune a dare ulteriore slancio agli eccellenti rapporti bilaterali tra Italia e Ucraina, in linea con i recenti colloqui tra il Presidente Conte e il Presidente Zelensky. Ciò anche al fine di continuare a consolidare la cooperazione economica e l’interscambio commerciale degli ultimi anni, giunto a ben 4,3 miliardi di Euro nel 2018. In tale contesto l’On. Di Stefano ha valorizzato le riforme istituzionali e strutturali che le autorità ucraine sono impegnate a portare avanti, quale fondamentale volano di crescita e di attrazione degli investimenti.

Nei suoi colloqui il Sottosegretario si è concentrato sulla situazione nelle regioni orientali del Paese per ribadire il pieno sostegno italiano alla sovranità e integrità dell’Ucraina, elogiando il coraggio politico e la leadership mostrati in questi mesi dal Presidente Zelensky nel rilanciare i negoziati per l’attuazione degli Accordi di Minsk. Questi ultimi restano l’unica cornice entro cui trovare una soluzione pacifica e sostenibile alla crisi, cui tutte le parti coinvolte devono contribuire con spirito di buona volontà per fermare un conflitto che ha fatto 13.000 vittime e inflitto sofferenze enormi alla popolazione. Nel quadro delle proprie prerogative l’Italia è pronta a favorire il dialogo affinché vengano individuate modalità efficaci e sostenibili per dare attuazione concreta alle clausole di sicurezza, a cominciare dal cessate-il-fuoco e dal ritiro degli armamenti, ed alle clausole politiche degli Accordi di Minsk. A riguardo ci attendiamo che anche la Federazione Russa faccia la sua parte ed assicuri, nell’ambito del Gruppo Trilaterale di Contatto e del Formato Normandia, un approccio costruttivo per progredire lungo il percorso tracciato.


29039
 Valuta questo sito