Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Coronavirus; Sereni, cultura cardine della ripresa dell'Italia

Data:

23/04/2020


Coronavirus; Sereni, cultura cardine della ripresa dell'Italia
“L’editoria rappresenta un settore portante dell'industria culturale del nostro Paese, sia per importanza economica sia in termini di contributo alla proiezione dell’immagine del nostro Paese nel mondo”. Lo scrive  la Vice Ministra Marina Sereni in un messaggio alla Fondazione De Sanctis, che oggi promuove una Maratona letteraria diretta streaming sul sito del ministero dell’Istruzione, in occasione della Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore.
 
“Un comparto - prosegue Sereni - che riflette un’ampia realtà, alimentata da librerie, centri culturali e biblioteche, fortemente radicata su tutto il territorio nazionale. Una ricchezza diffusa e vitale, capace di suscitare un forte interesse anche sui mercati esteri. Il Ministero degli Esteri è fortemente impegnato, direttamente e per il tramite della rete diplomatico-consolare e degli Istituti Italiani di Cultura, a sostenere la presenza del libro e degli autori italiani all’estero. Oltre a erogare ogni anno premi e contributi per la traduzione di autori italiani, - spiega la Vice Ministra - la Farnesina promuove, in collaborazione con MIBACT e ICE, la partecipazione dell’Italia alle principali fiere internazionali del settore. Si tratta di una straordinaria opportunità per presentare al mondo la nostra offerta editoriale, in un’ottica che valorizzerà il legame indissolubile tra libro e cultura, nella sua accezione più ampia”.
 
“Guardare al futuro significa necessariamente riflettere anche sul presente e sul pesante impatto dell’attuale emergenza sanitaria, che non risparmia il settore editoriale. La Farnesina, come noto, ha messo in campo un programma di sostegno e rilancio dell’Italia all’estero, che riguarderà anche le industrie culturali e creative, ivi compresa naturalmente l’editoria, nella consapevolezza - conclude Sereni - che la cultura sarà uno dei cardini imprescindibili per la ripresa dell’Italia nei prossimi mesi”.

39139
 Valuta questo sito