Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK Approfondisci
Governo Italiano

Nota Farnesina - Partecipazione del Ministro Di Maio alla riunione informale di alto livello del Consiglio di Sicurezza ONU

Data:

08/05/2020


Nota Farnesina - Partecipazione del Ministro Di Maio alla riunione informale di alto livello del Consiglio di Sicurezza ONU
Il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha partecipato questo pomeriggio alla riunione informale di alto livello del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite organizzata dalla presidenza estone per celebrare il 75° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale in Europa.
La sconfitta del nazifascismo fu resa possibile da uno sforzo collettivo fondato sui valori della pace, libertà e cooperazione internazionale, valori che ispirarono i padri fondatori dell’Organizzazione delle Nazioni Unite e dell’Unione Europea e che ne orientano tuttora l’azione. Il Ministro Di Maio ha riaffermato il forte e costante sostegno dell’Italia ad un multilateralismo efficace, imperniato sulle Nazioni Unite, che continua a rappresentare uno strumento imprescindibile nel contrasto alle minacce, spesso di natura non convenzionale e transnazionale, con cui ci confrontiamo in Europa e nel mondo.
 
Il Ministro Di Maio ha sottolineato come la convinta aderenza a questi principi continui ad ispirare la nostra azione nei principali fora internazionali in tema di mantenimento della pace, tutela dei diritti umani e rispetto dello stato di diritto. Con questo spirito, l’Italia ha immediatamente sostenuto l’Appello per un Cessate il fuoco Globale promosso dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Guterres.
 
L’Italia, consapevole che la salute rappresenta una condizione essenziale per garantire la pace, la sicurezza e la prosperità delle popolazioni nel mondo, è sempre stata in prima linea nel dare impulso ad una risposta globale alla pandemia Covid-19. Il Ministro Di Maio ha ricordato l’iniziativa “Coronavirus Global Response Pledging Conference”, che l’Italia ha promosso nei giorni scorsi in partnership con l’Unione Europea e altri Stati, raccogliendo in brevissimo tempo 7,4 miliardi di euro, con l’obiettivo di finanziare lo sviluppo di un vaccino e l’erogazione di trattamenti terapeutici e diagnostici contro il Coronavirus a livello globale.

39239
 Valuta questo sito